Stop all’uso di fosfati nei detersivi per il bucato, utilizzati dai consumatori. Lo ha deciso il Parlamento europeo adottando in procedura di co-decisione, un regolamento accordato in precedenza con il Consiglio.
Dal 30 giugno 2013 nei detersivi per il bucato non ci saranno più fosfati e gli altri composti a base di fosforo saranno limitati. Dal 1° gennaio 2017 restrizioni analoghe si applicheranno ai detersivi destinati ai consumatori per lavastoviglie automatiche.
Si tratta di misure a difesa dell’ambiente, poiché i fosfati, se scaricati nell’acqua in dosi eccessive, causano la crescita di alghe a spese di altre forme di vita acquatica (fenomeno conosciuto come “eutrofizzazione” o, più comunemente, come “maree rosse” o “maree verdi”). Il regolamento si propone di ridurre la quantità di fosfati nelle acque di scarico e di migliorare la qualità dell’acqua. Le nuove misure non saranno applicate ai detergenti usati da professionisti poiché non si è ancora trovata un’alternativa tecnicamente ed economicamente realizzabile.
Gli Stati membri possono anticipare la data di applicabilità, se sussistono alcune condizioni; alcuni paesi già applicano alcune restrizioni. In alcune regioni le misure adottate non bastano a mantenere la qualità dell’acqua a livelli accettabili. È questo il caso del fiume Danubio e del Mar Baltico.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)