Prescrizione biennale delle bollette, Antitrust avvia istruttoria nei confronti di Enel e SEN

Prescrizione biennale delle bollette, Antitrust avvia istruttoria nei confronti di Enel e SEN

La sentenza del Consiglio di Stato obbliga gli operatori telefonici che hanno cambiato unilateralmente la fatturazione a 28 giorni a restituire in fattura quanto pagato in più dai consumatori.

Per Adoc è una tardiva vittoria dei consumatori che lascia comunque l’amaro in bocca.

“La sentenza del Consiglio di Stato mette finalmente fine ad una situazione iniqua e dannosa che è durata fin troppo – dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc – a causa del lungo lasso di tempo intercorso tra i primi atti dell’Autorità e la decisione del Consiglio di Stato.”

Roberto Tascini, presidente Adoc
Roberto Tascini, presidente Adoc

A fronte della sentenza, dunque, i consumatori hanno diritto ad essere pienamente rimborsati del mal tolto e questo, secondo l’ADOC, indipendentemente dal fatto che siano ancora clienti dell’operatore che ha – a suo tempo – modificato unilateralmente la fatturazione con cadenza a 28 giorni.

“A nostro avviso – precisa Tascini – la sentenza è chiara ed esplicita e non può essere soggetta ad interpretazioni. La restituzione dei giorni erosi deve avvenire in maniera automatica e tempestiva. Anche chi nel frattempo ha cambiato operatore o ha chiuso l’utenza dovrà essere tutelato: esortiamo l’AgCom a definire quanto prima modalità di rimborso adeguate in favore di quei consumatori che non siano più clienti dell’operatore artefice della fatturazione a 28 giorni, che ad oggi versano in una situazione di totale incertezza”.

Per l’associazione resta inteso che la scelta in favore di soluzioni alternative – eventualmente proposte dagli operatori –  rispetto alla restituzione automatica dei giorni di servizio non fruiti è rimessa alla autonoma ed esclusiva valutazione del consumatore, ma dovrà essere sempre proposta nel rispetto degli obblighi di trasparenza, chiarezza e completezza delle informazioni rese.

Invitiamo i consumatori a riflettere attentamente prima di accettare la proposta alternativa, la quale comporterà la rinuncia alla restituzione automatica.”


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

 

2 thoughts on “28 giorni, Adoc: rimborso anche per chi ha cambiato operatore

  1. Ringrazio a nome di tutti i “cambiatori” di operatore. Anche se dubito assai che avvenga mai un rimborso.

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: