L’estate è alle porte ed il richiamo della casa vacanza è forte negli italiani, per i quali il “mattone” resta la migliore forma di investimento.

Avere la possibilità di poter contare su una casetta lontano dalla città nella quale rifugiarsi per staccare la spina resta una delle più grandi aspirazioni di molti.

Nonostante nell’ultima parte dello scorso anno si sia registrata una lieve contrazione all’acquisto, si tratta comunque di un mercato che presenta alcune importanti novità, soprattutto per quanto riguarda la tipologia degli acquirenti e le finalità per le quali si acquista.

Secondo i dati raccolti dall’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa, il 6,7% delle compravendite effettuate nel 2016 è motivato dalla volontà di avere una casa per le vacanze, in lieve calo rispetto all’anno precedente, pari al 7,4%.

Sono ancora in tanti però a considerare l’acquisto di un’abitazione al lago, al mare o in montagna come una forma di investimento (18,6%). Infatti, si registra in generale un ritorno all’investimento immobiliare e la casa in località turistiche è di nuovo interessante per essere messa a reddito destinando l’immobile a B&B o ad attività di affitta-camere.

Negli ultimi anni, in Italia c’è stato un incremento del turismo, soprattutto straniero: nel 2017 è prevista una crescita del 4% di turisti stranieri in Italia. E, a proposito di stranieri, la novità più interessante emersa dall’analisi è che la percentuale di stranieri che acquista la casa vacanza nel Bel Paese è passata da 7,5% di un anno fa a 12,1% del 2016.

La tipologia più richiesta è il trilocale con il 29,5%, seguito da soluzioni indipendenti (27,6%) e dal  bilocale con il 25%. Chi cerca una casa al lago o in montagna desidera soprattutto uno spazio esterno (terrazzo, balcone vivibile o giardino), la vicinanza al mare o al lago e, soprattutto, la presenza dei servizi. Gli italiani sono più orientati verso l’appartamento sia esso bilocale o un piccolo trilocale anche perché esprimono budget che difficilmente superano i 250 mila €. Mentre gli stranieri, che hanno una disponibilità maggiore.

Gli stranieri amano soprattutto i borghi sul mare ed acquistano spesso abitazioni d’epoca, oppure soluzioni indipendenti posizionate in zone più defilate ma con vista panoramica sul mare. Quasi sempre hanno budget importanti, talvolta fino al milione di euro. Gli italiani invece hanno budget più bassi e per questo motivo scelgono appartamenti non lontani dal mare e se possibile con spazio esterno e vista mare. Il fronte mare ormai è appannaggio di una bassa percentuale di acquirenti.

L’acquisto di una casa per avviare un’attività turistica come un B&B o una casa vacanze da affittare è una tendenza che si sta pian piano imponendo nuovamente. Questo si è notato soprattutto in quelle località in cui è elevata la domanda di affitti estivi. Prosegue il trend che vede anche i proprietari della casa vacanza acquistata con finalità di utilizzo personale affittarla nel periodo in cui non è utilizzata al fine di recuperare parte delle spese legate al mantenimento e alla proprietà.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)