Superbonus, Adiconsum: inopportuno lo stop allo sconto in fattura e alla cessione del credito (Foto Pixabay)

Superbonus, Adiconsum: inopportuno lo stop allo sconto in fattura e alla cessione del credito

Adiconsum interviene sul Superbonus e considera “inopportuno” lo stop allo sconto in fattura o alla cessione del credito per gli interventi di riqualificazione energetica e anti-sismici. L’associazione chiede di introdurre bonus o prestiti agevolati per i redditi bassi

Adiconsum giudica “inopportuno” il provvedimento del Consiglio dei Ministri che ha abolito le opzioni dello sconto in fattura e della cessione del credito ancora concesse per gli interventi di superamento ed eliminazione delle barriere architettoniche, e di riqualificazione energetica e anti-sismica per le abitazioni dei Comuni colpiti da eventi sismici verificatisi dal 1° aprile 2009 e da eventi metereologici nella Regione Marche dal 15 settembre 2022, e per quelli realizzati dagli Istituti Autonomi Case Popolari e dalle Organizzazioni no profit, APS e di volontariato appartenenti al Terzo Settore.

L’ultimo Consiglio dei Ministri ha infatti approvato un decreto legge in tema di agevolazione fiscali che prevede l’eliminazione, per gli interventi successivi all’entrata in vigore delle nuove norme, delle residue fattispecie per le quali risulta ancora vigente l’esercizio delle opzioni per il cosiddetto sconto in fattura o per la cessione del credito in luogo delle detrazioni.

Superbonus ed edilizia, le proposte di Adiconsum

Per Adiconsum “sarà sempre più difficile, per il patrimonio immobiliare pubblico e privato del Paese, rispettare la road map dell’Unione europea in tema di riduzione delle emissioni inquinanti (FIT for 55 e Direttiva “Case green”), in quanto gli interventi di efficienza energetica, così come quelli per la sicurezza e la corretta manutenzione degli apparati negli edifici, permettono di ridurre l’inquinamento e di combattere più efficacemente il cambiamento climatico. Le nostre case non efficienti energeticamente, infatti, sono responsabili del 39% delle emissioni di CO2”.

Durante la campagna Adiconsum “La Casa SI Cura”, promossa da Prosiel, con tappe nelle piazze di 20 città dal nord al sud dell’Italia, isole comprese, è emerso che circa il 71% degli immobili risale a prima dell’emanazione della L. 46/90 sulla sicurezza degli impianti elettrici e che un freno al loro adeguamento e alla loro manutenzione è dovuto anche agli alti costi, soprattutto per le fasce deboli della popolazione come  gli anziani.

Secondo Adiconsum la soluzione al problema degli interventi di riqualificazione edilizia, di efficientamento energetico e di sicurezza nelle case potrebbe essere quella di prevedere dei bonus per i redditi bassi e le famiglie in difficoltà o almeno di concedere, da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze, dei prestiti agevolati.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)