Centro Europeo Consumatori Italia

Il Centro Europeo Consumatori Italia nel 2019 ha fornito consulenza a quasi 4000 richieste e assistito i consumatori nella gestione di oltre 2200 reclami riuscendo a recuperare oltre 250 000 euro. È il bilancio dell’attività svolta dal CEC, i cui dati sono stati pubblicati nella Relazione Annuale relativa allo scorso anno. I settori che hanno maggiormente interessato gli interventi sono stati il turismo e i trasporti, con particolare riguardo al trasporto aereo e all’autonoleggio.

Numeri che “testimoniano la fiducia che i consumatori ripongono nella professionalità dei nostri consulenti”, commenta Maria Pisanò, direttore del Centro Europeo Consumatori Italia.

Non solo assistenza, ma anche formazione e divulgazione

Il Centro Europeo Consumatori Italia fa parte di una più ampia Rete di Centri Europei, ECC-Net, istituita dalla Commissione Europea e cofinanziata dagli Stati Membri, che fornisce assistenza e consulenza gratuita ai consumatori in caso di controversie transfrontaliere, liti tra consumatori e operatori commerciali stabiliti in due diversi stati della UE, Regno Unito, Norvegia e Islanda.

Alle attività di assistenza si aggiungono quelle di informazione e divulgazione sui principali temi di interesse relativi al consumerismo. Nel corso dell’anno il Centro Eueopeo Consumatori Italia ha organizzato 15 incontri con professionisti e stakeholders ed ha avviato collaborazioni attive con le autorità di enforcement. Inoltre ha realizzato circa 100 interviste radiofoniche e televisive e, come ogni anno, ha organizzato conferenze e seminari nelle scuole per stimolare una maggiore consapevolezza nei giovani consumatori del futuro.

 

Relazione attività del Centro Europeo Consumatori Italia
Relazione attività del Centro Europeo Consumatori Italia

“I risultati ottenuti costituiscono un ulteriore stimolo per il nuovo anno, nel quale ricorre il quindicesimo anniversario della rete – conclude Pisanò – Queste settimane si stanno rivelando molto impegnative: l’emergenza Coronavirus ha comportato un aumento notevole delle richieste di assistenza, dato che il turismo costituisce uno dei principali ambiti di intervento dell’intera rete e stiamo cercando di fare il possibile per aiutare tutti i consumatori che si trovano in difficoltà perché impossibilitati a viaggiare e spesso, anche a comprendere i loro diritti. Ci auguriamo che presto si possa tornare alla normalità; nel frattempo il Centro continuerà a lavorare per i consumatori e con i consumatori”.

Numeri dal web

A questi risultati si aggiungono i riscontri positivi provenienti dal web, dato il crescente interesse registrato sia per le attività social (il Centro dispone di account Facebook, Twitter e Instragram) che per il materiale digitale prodotto (circa 650 000 download dai siti web www.ecc-netitalia.it e www.euroconsumatori.org). Positiva anche la percentuale di soddisfazione dei consumatori, pari all’87,4%, come si evince dai risultati del questionario ufficialmente predisposto dalla Commissione Europea.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)