Privacy, il parere del Movimento Difesa del Cittadino

Garante Privacy approva il nuovo piano ispezioni

Fatturazione elettronica, violazione dei dati, food delivery sono i settori nei quali si concentreranno le ispezioni del Garante Privacy nella seconda metà dell’anno. Mentre nei primi sei mesi del 2020 c’è un boom di entrate che derivano dalle sanzioni: queste arrivano a oltre 7 milioni di euro, con un aumento del 481% rispetto ai primi sei mesi del 2019.

Il piano ispezioni del secondo semestre 2020

È quanto si legge nell’odierna newsletter del Garante Privacy, che ha approvato il piano ispettivo per il secondo semestre 2020.

L’attività di accertamento dell’Autorità, in collaborazione con il Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche della Guardia di finanza, «prosegue quella avviata nel primo semestre e riguarda i trattamenti di dati svolti nell’ambito di settori particolarmente delicati, quali la fatturazione elettronica, il whistleblowing, il food delivery, le violazioni della sicurezza dei dati (data breach). Le verifiche riguarderanno anche le società che operano nel settore del cosiddetto “rating reputazionale”».

Altre ispezioni riguarderanno il rispetto delle norme nel rilascio di certificati tramite l’Anagrafe nazionale della popolazione residente, e nell’attività di marketing, sia nel settore pubblico che privato. I controlli si concentreranno poi sul rispetto delle misure di sicurezza da parte di imprese e PA, dell’informativa del consenso, e sui tempi di conservazione dei dati.

Sanzioni boom

Un primo bilancio dell’attività ispettiva e sanzionatoria dell’Autorità nel primo semestre del 2020 registra intanto un notevole aumento delle entrate complessive derivanti dalle sanzioni: queste passano da 1 milione 223 mila euro del primo semestre del 2019 a 7 milioni 108 mila euro, con un aumento del 481%.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)