Bonus libri scolastici, Cittadinanzattiva: contributo per appena 14 studenti su 100 (Foto Pixabay)

Il bonus libri scolastici arriva solo a 14 studenti su 100. Non basta a molte famiglie, che devono destreggiarsi fra scadenze diverse da regione a regione e tetti Isee diversi e non uniformi. Una giunga di requisiti, dice Cittadinanzattiva che col suo settore Scuola, in collaborazione con il Quotidiano del Sud che oggi anticipa la ricerca, ha svolto un’indagine sul bonus libri scolastici.

In sintesi: a fronte di una spesa media per i libri scolastici che si aggira sui 500 euro l’anno e che supera i 680 euro per chi frequenta il primo anno di liceo (quando oltre ai libri di testo vanno acquistati anche i dizionari) appena 14 studenti su 100 hanno avuto accesso nell’anno scolastico in corso al cosiddetto “Bonus Libri scolastici” erogato da Regioni e Comuni, sulla base di un finanziamento statale di 133 milioni.

“Su una platea di 4.152.491 mila, a riceverlo sono appena 589.196 studenti appartenenti a famiglie con un reddito inferiore a 15.493,71 euro – spiega Cittadinanzattiva – Il tetto Isee per accedere al contributo viene stabilito dalle Regioni e dai Comuni che in alcuni casi possono aggiungere ulteriori fondi. Le famiglie meno abbienti, ossia con un reddito inferiore ai 15.493.71 euro l’anno, rappresentano il 13,4% a livello nazionale, con punte del 25,6% in Campania, 24,1 in Abruzzo, oltre il 20% in Calabria e Sicilia (ultimi dati Istat, 2020-2021)”.

Bonus libri scolastici: regione che vai, Isee che trovi

L’articolo 27 della legge 23 dicembre 1998 n. 448 prevede un contributo regionale con risorse statali, finalizzato alla copertura, totale o parziale, delle spese per l’acquisto dei libri di testo per gli studenti meno abbienti delle scuole dell’obbligo e secondarie di secondo grado sui rispettivi territori. Con Decreto Direttoriale 2023 della Direzione Generale Per lo Studente, l’Inclusione e l’orientamento scolastico del Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione del Ministero dell’Istruzione è stata ripartita tra le Regioni la somma complessiva di 133 milioni di euro per l’Anno scolastico 2023/2024, per la fornitura dei libri di testo in favore degli studenti meno abbienti delle scuole dell’obbligo e secondarie di II grado.

Le regioni singolarmente definiscono i requisiti Isee per il bonus libri, le modalità e la scadenza per presentare le domande. Sono poi i Comuni che erogano i contributi, ad eccezione della regione Lombardia, unica regione nella quale le domande vanno presentate direttamente alla regione così come l’erogazione del contributo viene effettuata dallo stesso ente, senza passare per i Comuni.

La fascia Isee per il bonus libri non è però uguale per tutti e varia da regione a regione. La Basilicata e la Sardegna, spiega l’analisi di Cittadinanzattiva, fissano la soglia più alta di Isee in 20mila euro, allargando dunque la platea dei beneficiari.

Abruzzo, Lazio ed Umbria la fissano in massimo 15.493,71 euro. Poco più (15.748,78 euro) in Toscana, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Molise e Veneto  (queste ultime tre però prevedono un contributo maggiore per chi ha un Isee inferiore ai 10.632,94 euro).

Segue il Friuli Venezia Giulia dove possono accedere al contributo le famiglie con Isee fino a 14.000 euro, stesso tetto per la Puglia dove però per le famiglie con 3 o più figli l’Isee può arrivare a 14mila euro; la Campania in 13.300 euro ma con un maggiore contributo per chi ha meno di 10,633 euro.

In Sicilia accedono al bonus le famiglie con Isee fino a 10.632,94 euro. In Calabria il tetto massimo per accedervi, che era di 6 mila euro, è stato innalzato a 15.748,78 euro grazie ad un provvedimento destinato a 36mila studenti calabresi per 16 milioni di euro deliberati dalla Giunta regionale a valere sul programma regionale Fesr–Fse+ 2021-2027 per gli anni scolastici 2022/2023 e 2023/2024.

In Liguria è previsto un rimborso, con percentuali tra il 50 e il 60% della spesa sostenuta, a copertura di tutte le fasce di Isee fino a 50 mila euro; dal secondo figlio in poi, la soglia si abbassa per permettere una percentuale di rimborso più elevato e comunque una priorità in graduatoria se l’Isee non supera i 15mila euro. Diverso il caso di Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta dove i testi scolastici sono forniti in maniera gratuita a tutti gli studenti di scuole medie e superiori – prevedono infatti la gratuità senza limiti Isee.

Spiega al Quotidiano del Sud Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva: “L’indagine evidenzia come il ricorso al bonus libri sia importante e necessario per le famiglie anche se insufficiente, considerato il costo complessivo che queste devono affrontare annualmente per l’acquisto di libri e materiali didattici, il cui importo è almeno 3-4 volte superiore a quello del bonus. Attualmente, molte vengono escluse economicamente dalla fascia Isee considerata, con un valore che varia da regione a regione. Lo Stato dovrebbe porsi l’obiettivo di garantire, progressivamente, la gratuità dei libri di testo per la scuola dell’obbligo. Ciò rappresenterebbe una scelta di fondamentale importanza per il superamento delle disuguaglianze sociali ed economiche di migliaia di minori, per garantire loro l’effettiva esigibilità del diritto allo studio, come deterrente alla dispersione e come incentivo allo studio”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)