La proposta della Commissione europea per il prossimo bilancio comunitario 2021-2027 “non si spinge abbastanza avanti e manca di ambizione politica”. È il giudizio del Comitato economico e sociale europeo (Cese), organo consultivo dell’Ue, che ha dedicato al tema una conferenza a Bruxelles.

Non accettiamo tagli alla politica di coesione europea, al modello sociale europeo o alla politica agricola“, spiega il presidente del Cese, l’italiano Luca Jahier, perche’ “questi strumenti hanno funzionato bene”, soprattutto “quando l’Europa è stata colpita dalla crisi nel 2007. “Se non ci fossero stati questi strumenti”, sottolinea Jahier, “l’Europa, e soprattutto i gruppi sociali più vulnerabili, avrebbero sofferto ancora di più”.

Per questo motivo, il capo della sezione economica dell’organismo, Stefano Palmieri, appoggia la proposta, “in linea col Parlamento europeo e nonostante le conseguenze finanziarie della Brexit, di incrementare il tetto di spesa dell’Ue all’1,3% del Pil“, contro l’attuale 1,04%.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)