I costi diminuiranno dello 0,3% e dello 0,4%. Prima però c’era stato un rincaro dell’8,6%. Quello che si riduce è dunque il precedente aumento, ma nel ritorno alla fatturazione mensile tutto questo non viene spiegato bene ai consumatori. Questa la contestazione che il Movimento Consumatori muove nei confronti di Tim e Wind. L’associazione ha deciso di diffidare i due operatori per pratiche commerciali scorrette, inviando segnalazione anche all’Antitrust e all’Agcom, perché “i due operatori hanno informato la clientela sulle modifiche contrattuali del ritorno alla fatturazione mensile in modo ingannevole e illegittimo, senza esporre in maniera chiara e trasparente gli aumenti praticati che comporteranno un aggravio dei costi di oltre l’8% – spiega il Movimento Consumatori –  In particolare Wind ha comunicato una diminuzione dello 0,3% (il precedente rincaro dell’ 8,6% si riduce all’8,3%); Tim ha comunicato una diminuzione dello 0,4% (il precedente rincaro dell’ 8,6% si riduce all’8,2%)”. Wind inoltre, prosegue l’associazione, invia agli utenti degli sms in cui non ci sono informazioni sul diritto del cliente di recedere dal contratto senza costi e penali.

 “Entrambi gli operatori – sostiene Alessandro Mostaccio, segretario generale MC – hanno nascosto la vera portata dell’operazione che comporterà un incremento dei costi dei servizi telefonici, informando la clientela di una riduzione del corrispettivo rispetto a quello già annunciato. Le compagnie telefoniche sembrano però dimenticare che l’aumento dell’8,6% proposto nel ritorno alla fatturazione mensile è stato inibito dall’Antitrust in quanto oggetto di un’intesa restrittiva della concorrenza”. Se le compagnie non fermeranno gli aumenti, l’associazione promette che agirà in giudizio per chiederne l’inibitoria e per costringere gli operatori a informare la propria clientela.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Direttrice di Help Consumatori. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, società e ambiente, bambini e infanzia, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Hobby: narrativa contemporanea, cinema, passeggiate al mare.

Parliamone ;-)