Non c’è ancora una libera scelta del modem. E il diritto alla net neutrality rimane un miraggio per molti utenti. Così il Movimento Difesa del Cittadino denuncia il mancato rispetto della delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) sul modem libero.

“E’ intollerabile continuare ad assistere alla negazione di precisi diritti dei consumatori, sistematicamente ignorati dagli operatori di telefonia ma sulla net neutrality e la libertà di modem siamo decisi ad andare sino in fondo”, ha detto il presidente di MDC Francesco Luongo, dopo aver esaminato i dati sullo stato di attuazione della Delibera AGCOM sul Modem Libero (n. 348/18/CONS) elaborati dalla Free Modem Alliance.

“Nonostante il ricorso al TAR ed al Consiglio di Stato abbiano messo in forse la possibilità di restituire i modem imposti nei contratti stipulati prima dello scorso dicembre, come originariamente previsto dalla Delibera, le altre disposizioni rimangono pienamente in vigore – dice MDC – Tuttavia, i consumatori osservano e stigmatizzano persistenti inadempienze da parte di alcuni principali operatori che direttamente o indirettamente non consentono la libera scelta del modem router. Così non c’è competizione né sui prezzi, né tecnologica, e quello che forse è peggio è che agli utenti è negata la scelta di prodotti che reputano più sicuri anche per la loro privacy”.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)