Un sistema di acquedotti fragile, un servizio di fognatura che ancora non copre la totalità della popolazione, depuratori assenti in alcune aree o troppo frammentati e dunque poco efficienti: queste le criticità riscontrate dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico in una recente indagine sulle strategie di pianificazione degli interventi nel Servizio Idrico Integrato. Emerge in generale la difficoltà di rispondere alle criticità del territorio e una serie di campi nei quali più di altri servirebbero investimenti: appunto, le attività di depurazione e fognatura (non a caso oggetto di infrazioni europee) e le attività di distribuzione degli acquedotti.

acqua servizio idricoDalla ricognizione, basati su dati forniti da un campione di Piani di Intervento relativi al 60,6% della popolazione nazionale, l’analisi evidenzia forti carenze nelle condizioni fisiche degli acquedotti (segnalate dal 62% delle gestioni, che servono il 67% della popolazione) legate soprattutto alla vetustà delle condotte e allo scarso tasso di rinnovo. Questo incide molto sulle perdite di rete  e non consente di ridurle in modo significativo – criticità proposta dal 46% delle gestioni che coprono il 44% della popolazione. Una seconda problematica molto diffusa, prosegue l’Autorità, è quella relativa all’insufficienza del sistema delle fonti per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento, che interessa il 54% delle gestioni che coprono il 69% della popolazione. Se a questo si aggiunge la vulnerabilità delle fonti di approvvigionamento, citata dal 25% delle gestioni (36% della popolazione), ne emerge un quadro di fragilità del sistema acquedottistico sul territorio nazionale. Un’ulteriore criticità rilevata molto frequentemente riguarda il cattivo funzionamento o la vetustà dei misuratori di utenza, che viene indicata per il 48% delle gestioni, che servono il 54% della popolazione: un fatto che si ripercute nella difficoltà di agire nel senso del risparmio idrico.

Altro campo critico è rappresentato dal servizio di fognatura, che ancora non raggiunge la copertura totale della popolazione. Infrastrutture vecchie e inadeguate sono state segnalate dal 67% del campione analizzato con riferimento a tratti delle condotte gestite, dal 44% per quanto riguarda gli impianti e dal 28% per gli scaricatori di piena, spesso da adeguare alle normative vigenti.

Quasi la metà delle gestioni esaminate, pari a due terzi della popolazione, ha poi indicato come criticità prevalente l’assenza del servizio di depurazione in alcune aree – più o meno ampie – del territorio. Mentre  dove esistono, gli impianti di depurazione sono spesso inadeguati, non garantiscono tutti i trattamenti necessari oppure danno un servizio troppo frammentato per la presenza di impianti di dimensioni poco efficienti (30% delle gestioni che coprono il 55% della popolazione).

Davanti a questa situazione l’Autorità ha dunque avviato un procedimento, che si chiuderà entro quest’anno, per integrare il sistema regolatorio con norme specifiche sulla qualità tecnica del servizio idrico integrato, per stabilire i livelli minimi e gli obiettivi di qualità tecnica del servizio e determinare gli obblighi di indennizzo automatico per gli utenti quando non vengono rispettati gli standard fissati.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)