Maschere, parrucche, vestiti di carnevale, spray coloranti, giocattoli e gadget: sono oltre 77mila gli articoli di carnevale privi dei requisiti di sicurezza sequestrati dai Carabinieri del Nas nell’ambito dei controlli effettuati per verificare la sicurezza e la conformità dei prodotti tradizionalmente utilizzati in questo periodo dell’anno.

Gli interventi hanno interessato l’intera filiera commerciale (produzione, importazione, distribuzione all’ingrosso e vendita al dettaglio) e le aziende di settore che trattano articoli ludici per il periodo di carnevale.

Le irregolarità riscontrate riguardano principalmente la mancanza di indicazioni obbligatorie nelle etichettature e nelle confezioni dei prodotti, con particolare riguardo alla corretta modalità d’uso e alla sicurezza, alle istruzioni in lingua italiana, all’omessa presenza della marcatura CE che, in alcuni casi, è risultata contraffatta” conclude.

“Un ringraziamento speciale ai nostri Carabinieri del Nas per la particolare attenzione e cura nei controlli che, di volta in volta, puntano i riflettori sulle situazioni in cui potrebbero nascondersi rischi per la nostra salute. Il periodo di carnevale è uno di questi”, dichiara il ministro della Salute, Giulia Grillo.

Il Ministro ribadisce poi di “non sottovalutare il problema dei giocattoli privi dei requisiti di sicurezza, acquistati per pochi soldi, magari in totale buona fede, senza pensare che dietro a quei pezzi di plastica, quelle mascherine, quegli spray apparentemente innocui, potrebbero esserci situazioni produttive totalmente illegali e l’utilizzo di sostanze irritanti e tossiche”.

Nell’ambito delle verifiche sono stati eseguiti campionamenti per successive analisi di laboratorio. “I test sulla merce sequestrate potranno rilevare eventuali cessioni di sostanze pericolose, nonché l’idoneità alla vendita di giocattoli costituiti da parti elettriche e con frammenti a rischio di distacco, particolarmente pericolose per i bambini. Le ingestioni accidentali da parte dei più piccoli e gli incidenti domestici possono essere prevenuti, non possiamo abbassare la guardia”, dice il ministro.

 “Nel corso delle attività”, spiega il generale di divisione dei Carabinieri del Nas, Adelmo Lusi, “sono stati ispezionati 896 tra aziende ed esercizi commerciali, rilevando irregolarità su 139 obiettivi oggetto di controllo. Nel contesto delle verifiche, i nostri Carabinieri hanno sanzionato 101 titolari di ditte all’ingrosso e rivendite al dettaglio, per violazioni amministrative ammontanti ad oltre 289mila euro”. 

Nello specifico, a Pescara, al termine di numerose ispezioni condotte in attività commerciali presenti su tutto il territorio abruzzese, il NAS ha eseguito il sequestro di 50 mila articoli carnevaleschi, tra i quali mascherine, costumi, gadget, giocattoli ed articoli elettrici a bassa tensione, poiché privi delle informazioni al consumatore sulla sicurezza e sulle precauzioni d’impiego. A seguito di provvedimenti di confisca da parte dell’Autorità amministrativa, gli articoli irregolari sono stati avviati a distruzione, unitamente ad altri prodotti analoghi già oggetto di sequestro nel corso di precedenti campagne di controllo eseguite dallo stesso NAS, per un totale complessivo di 120 mila articoli del valore commerciale di circa un milione di euro.

Nella Capitale, sono stati segnalati all’Autorità Amministrativa due cittadini di origine cinese, titolari di altrettanti depositi a Roma, per aver posto in commercio costumi di carnevale e articoli vari in assenza della prevista marcatura CE. Nel contesto è stato eseguito il sequestro amministrativo di 7.500 unità dei prodotti irregolari (vestiti, maschere, stelle filanti spray), per un valore complessivo di 45 mila euro, contestando altresì violazioni amministrative per 10 mila euro. Sono stati inoltre eseguiti campionamenti di alcuni prodotti al fine di accertare, alle analisi di laboratorio, l’eventuale presenza di sostanze vietate.

I Nas di Cagliari, nel corso di un’ispezione presso la rivendita al dettaglio di abbigliamento, casalinghi, giocattoli e oggettistica per la casa, sono stati individuati e sequestrati 860 abiti e maschere di carnevale per bambini e 5.600 bombolette di stelle filanti spray, risultati tutti sprovvisti della prescritta marcatura CE e di diciture obbligatorie.

A Catanzaro, al termine del controllo di tre differenti attività commerciali, sono stati sottoposti a sequestro amministrativo complessivamente 4.850 articoli per carnevale privi della marcatura CE. Il valore complessivo della merce sottoposta a sequestro è pari a 25 mila euro.

Nelle province di Palermo e Trapani, il NAS di Palermo, unitamente ai reparti dell’Arma territoriale, ha posto in sequestro amministrativo 3.700 prodotti vari carnevaleschi, risultati privi delle indicazioni obbligatorie in lingua italiana, sanzionando i gestori cinesi delle sue ditte di rivendita.

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)