mercato

L'estate nel carrello della spesa, come si cambia

L’estate è arrivata anche nel carrello della spesa. E lo riempie di prodotti freschi, frutta, tanta acqua e tanti peccati di gola: birra, gelato, bevande gassate. Diminuisce l’interesse dei consumatori nei confronti dei prodotti da dispensa e delle maxi spese.

Nel carrello della spesa estivo ci sono meno surgelati e meno alimenti confezionati. Più attenzione alla qualità e meno alla quantità. Insomma: l’estate nel carrello della spesa cambia la lista e le priorità dello shopping. E cambia anche l’orario in cui fare compere. Non più nella pausa di lavoro, più spesso nel tardo pomeriggio.

La spesa estiva: come si cambia

«Molta acqua, olio extra vergine d’oliva e tanta frutta caratterizzano il carrello della spesa dell’estate 2021. Ma non è tutto, i dati rivelano infatti un crollo nelle ricerche di prodotti surgelati e non mancano irrinunciabili tentazioni perfette per accompagnare l’estate come birra, bevande gassate e gelato».

A dirlo è un’analisi di Tiendeo.it, azienda di volantini online, che mette in luce le abitudini d’acquisto dei consumatori con l’arrivo dell’estate, analizzando i dati delle ricerche svolte nel primo mese estivo.

L’estate si fa sentire infatti nel carrello della spesa, che segue le nuove abitudini dei consumatori legate alla stagione calda e alla stagionalità degli alimenti. Si cercano più angurie e ciliegie, per esempio, ma anche gelati e birra (un occhio alla linea e un occhio alla gola, insomma).

Non si fanno più le scorte alimentari dell’inverno e diminuisce l’acquisto di prodotti in scatola che riempiono la dispensa – una tendenza alla maxi scorta che è stata particolarmente forte nei periodi di chiusura e limitazioni causa pandemia, tanto è vero che si è arrivati a parlare di spesa bunker.

 

gelati
Nel carrello della spesa estivo non manca il gelato

 

Alla ricerca di prodotti freschi, vanno giù i surgelati

I consumatori «rinnovano le proprie abitudini a favore di prodotti freschi e sani, mettendo da parte, almeno momentaneamente, prodotti surgelati e confezionati», dice Tiendeo.it.

I prodotti freschi e le bevande dominano dunque l’estate nel carrello della spesa. Ai primi posti tra i prodotti più cercati ci sono infatti bibite, olio extra vergine d’oliva, latte, frutta, caffè e gelati.

«Per quanto riguarda la frutta, l’aumento delle ricerche nell’ultimo mese è del 14% – dice lo studio – Grande amata dagli italiani, che si aggiudica il primo posto nelle preferenze di frutta dei consumatori è l’anguria, che registra inoltre un aumento del 2414 % rispetto al mese scorso. A tenerle testa, da lontano, le ciliegie, che si aggiudicano il secondo posto registrando un aumento del 600%».

Crescono le ricerche dell’acqua (più 141%) e di una serie di cibi che rispondono alla golosità: bevande gassate (+ 336%), birra (+ 85%) e gelati (+161%).

Crollano del 47% le ricerche dei surgelati. E si segnala anche il meno 54% del tonno in scatola.

Nuovi orari per la spesa d’estate

Nel carrello della spesa estiva, prosegue la ricerca, c’è meno quantità e più qualità. L’interesse dei consumatori si sposta verso prodotti freschi e di prossimità (ci sono meno ricerche su ipermercati e relative offerte) e diminuisce l’interesse verso le grandi spese nei grandi punti vendita, finalizzate a fare provviste settimanali e mensili tipiche di altri periodi dell’anno.

Cambia anche l’orario della spesa. I momenti privilegiati sono il tardo pomeriggio, a partire dalle 17, e la sera. Preferibilmente il sabato, seguito dal lunedì e dal venerdì.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)