Oltre 92 milioni di adulti nell’UE (15-64 anni) hanno provato una droga illecita nel corso della loro vita e nel mercato della droga, sempre più dinamico e adattabile, cresce la disponibilità di cocaina così come di nuovi oppiacei sintetici e cannabinoidi. Lo rileva l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (EMCDDA) nella sua Relazione europea sulla droga 2018: tendenze e sviluppi. La cocaina è lo stimolante illecito più consumato in Europa. Circa 2,3 milioni di giovani adulti (15-34 anni) ne hanno fatto uso nell’ultimo anno (UE-28). Sebbene il prezzo della cocaina sia rimasto stabile, la purezza della sostanza in strada ha raggiunto il livello più alto in un decennio nel 2016. Anche il numero di sequestri di cocaina è aumentato. Nel 2016 ne sono stati segnalati nell’UE circa 98 000 (90 000 nel 2015) per un totale di 70,9 tonnellate.

Se vogliamo essere all’avanguardia, i nostri sforzi devono essere mirati allo sviluppo sia della resilienza che della reattività, non da ultimo a causa della crescente importanza del mercato online e dello sviluppo di nuovi tipi di droghe”, afferma Dimitris Avramopoulos, commissario europeo responsabile per le migrazioni, gli affari interni e la cittadinanza. “Con l’entrata in vigore delle nuove norme sulle nuove sostanze psicoattive entro la fine dell’anno, l’Europa disporrà di strumenti supplementari e più forti per affrontare tali sfide in modo più efficace e proteggere meglio i cittadini europei contro la pericolosità delle droghe”.

L’Europa costituisce un mercato importante per le sostanze illecite che vi vengono introdotte clandestinamente da varie regioni del mondo, tra cui l’America latina, l’Asia occidentale e l’Africa settentrionale. Tuttavia, la relazione odierna evidenzia anche il ruolo dell’Europa come regione produttrice, sottolineando che quest’anno, per un’ampia gamma di sostanze, si osservano alcuni preoccupanti segnali di un aumento dei livelli di produzione di droghe in Europa.

Molti sono gli elementi che attestano l’esistenza di laboratori illeciti che producono cocaina, un aumento del numero di laboratori di MDMA («ecstasy») smantellati, un incremento della produzione di metamfetamine e un maggiore coinvolgimento della criminalità organizzata in tale produzione, lo svolgimento delle fasi finali della produzione di amfetamine nel paese di consumo e la scoperta di un numero ridotto di laboratori di produzione di eroina.

La cannabis continua ad essere la sostanza illecita più diffusa in Europa. Circa 17,2 milioni di giovani europei (15-34 anni) hanno fatto uso di cannabis nell’ultimo anno (UE-28) e circa l’1% di adulti europei (15-64 anni) ne fa uso quotidianamente o quasi quotidianamente (UE-28).

La cannabis è stata coinvolta in oltre tre quarti (77 %) degli 800.000 reati di consumo o detenzione di droghe segnalati nell’UE nel 2016 per i quali è nota la droga primaria (figura 1.14). È anche la droga più sequestrata, con 763 000 sequestri di prodotti a base di cannabis segnalati nell’UE nel 2016. La cannabis è responsabile della maggior parte (45 %) dei nuovi ingressi in trattamento per tossicodipendenza in Europa (UE-28, Turchia e Norvegia). I recenti cambiamenti che hanno portato alla liberalizzazione della sostanza in alcune parti del mondo hanno dato luogo a innovazioni nei sistemi di distribuzione e nello sviluppo di prodotti a base di cannabis (ad esempio, liquidi da inalazione, prodotti commestibili e varietà ad alta potenza).

Le nuove sostanze psicoattive (NPS/«nuove droghe») continuano a rappresentare una sfida considerevole dal punto di vista politico e della salute pubblica in Europa. Le NPS, che non sono sottoposte ai controlli antidroga internazionali, comprendono varie sostanze, tra cui cannabinoidi sintetici, oppiacei, catinoni e benzodiazepine. Nel 2017 sono state segnalate per la prima volta al sistema di allerta precoce (EWS) dell’UE 51 NPS, circa una alla settimana. Sebbene il numero totale annuo di nuove sostanze che fanno ingresso sul mercato sia in calo rispetto agli anni di punta, il numero complessivo di NPS disponibili rimane elevato. Alla fine del 2017 l’EMCDDA monitorava oltre 670 NPS (rispetto a circa 350 nel 2013).

Se nel complesso, in termini di volume, i mercati tradizionali delle droghe offline continuano a prevalere, i mercati online sembrano assumere una crescente importanza, creando una nuova sfida per le misure di controllo antidroga.

Un recente studio EMCDDA-Europol ha individuato oltre 100 mercati mondiali sulla «rete oscura» (darknet), in cui circa due terzi degli acquisti sono legati alle droghe. Anche il web accessibile e i social media sembrano divenire sempre più importanti, soprattutto per quanto riguarda la fornitura di NPS e l’accesso ai farmaci utilizzati in modo improprio.

“Le minacce che le droghe rappresentano per la salute e la sicurezza pubblica in Europa continuano a richiedere una risposta unitaria”, conclude il presidente del consiglio di amministrazione dell’EMCDDA, Laura d’Arrigo,” Il piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga, adottato nel 2017, fornisce il quadro per la cooperazione europea. Con l’evolversi dei problemi legati alle droghe e l’emergere di nuove tendenze è fondamentale che il nostro sistema di monitoraggio tenga il passo. La Relazione europea sulla droga, insieme a 30 relazioni nazionali, fornisce l’analisi più recente per aiutare i responsabili politici a farsi un’idea chiara del fenomeno e ad adeguare la risposta politica per prevenire e affrontare le sfide emergenti”.

 

Notizia pubblicata il 07/06/2018 ore 16.01


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)