Le mani sono sicuramente la parte del corpo che entra in contatto più di frequente con il mondo esterno e, di conseguenza, anche il terreno di proliferazione e trasmissione più efficace per i germi. L’igiene è quindi fondamentale ma cosa è meglio usare per lavarsi? Meglio un sapone disinfettante o un normale sapone?

A risolvere almeno in parte l’interrogativo ci ha pensato l’americana Food and Drug Administration (FDA) che ha deciso di vietare i saponi disinfettanti che contengono una delle 19 sostanze raccolti in una lista, tra cui figurano anche il triclosan e il trilocarban.

Ad essere stati messi al bando”, si legge sull’agenzia “Il Fatto Alimentare” che ha rivelato l’argomento, “sono 2.100 prodotti che dovranno essere riformulati o ritirati dal commercio entro un anno. Alcuni produttori hanno già iniziato a togliere questi ingredienti e a modificare la formulazione”.

Sul fatto che gli antibatterici siano effettivamente più efficaci dei saponi normali nello sgominare i batteri non esistono evidenze scientifiche. Inoltre, le aziende non sono riuscite neppure a dimostrare che i 19 ingredienti sotto accusa sono sicuri per l’uso quotidiano a lungo termine. Pare infatti che “alcuni dati suggeriscano che le sostanze antibatteriche possano fare più male che bene nel lungo periodo”, dice Janet Woodcock, direttrice del Centro di ricerca e valutazione dei farmaci della FDA.

Tanto vale allora lavarsi con un sapone normale, senza pretese disinfettanti e disinfestanti e sperare che i batteri non abbiano scelto proprio noi per propagarsi.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)