La vicenda del metodo Stamina si fa sempre più intricata e oscura. Questa sera il programma “Presa Diretta” sarà tutto dedicato a questo tema e circolano già alcuni dei contenuti scoperti dall’inchiesta, come il fatto che il metodo sarebbe stato introdotto a Brescia in favore di alcuni pazienti “raccomandati” quali un dirigente della Regione e alcuni dirigenti locali. Altissimi inoltre i costi richiesti a chi si è sottoposto alla sperimentazione. Alla trasmissione, il papà di una bambina malata ha raccontato: “In tutto, il trattamento Stamina ci è costato 50mila euro, dobbiamo ancora finire di pagare e mia figlia è ancora sulla carrozzella”.
Facciamo appello al Ministro della Salute affinché ponga fine, una volta per tutte, alla grave e inquietante vicenda Stamina – dichiara FederconsumatoriBisogna impedire il ricorso a pseudo cure pericolose, e bloccare le inaccettabili frodi mese in atto in nome della sperimentazione scientifica”. L’associazione chiede di tutelare le famiglie dalle speculazioni e di agire per riaffermare la credibilità della sperimentazione scientifica.
“La Federconsumatori ritiene che siano a rischio, oltre alla salute dei cittadini, il ruolo e la credibilità della comunità scientifica e delle istituzioni della salute a livello nazionale ed internazionale – aggiunge l’associazione – Per ripristinare la fiducia nei confronti della sperimentazione medica e riaffermare l’autorevolezza della comunità scientifica è necessario ridefinire, in particolare: le basi scientifiche necessarie per ogni sperimentazione clinica; i criteri di autorizzazione ed i soggetti legittimati a rilasciare tali autorizzazioni; le regole chiare e trasparenti per la verifica e la valutazione dei risultati”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)