Inutile girarci intorno: l’estate è finita e bisogna farsene una ragione. Sì, ma che fare quando, tra una mail e una riunione, ci invade la nostalgia dell’ozio sotto l’ombrellone o del vagabondare sui prati di montagna tra mucche e caprette che fanno ciao? Il rientro in città e il ritorno a lavoro con i suoi mille impegni e scadenze può provocare veri e propri stati d’ansia. Prima di ricorrere a goccine tranquillanti, dai fiori di Bach al caro vecchio Lexotan, gli esperti consigliano di fare un salto in libreria, perdersi tra gli scaffali e scegliere un buon libro.

Secondo un’indagine promossa da Libreriamo (www.libreriamo.it), 7 esperti su 10 dicono che leggere rappresenta il miglior antidoto contro l’ansia da rientro post-vacanze perché permette di mantenere la spensieratezza delle vacanze, stimola la mente in maniera graduale ed aiuta ad evadere dalla realtà non sempre piacevole.

Psicologi e studiosi la chiamano Book Therapy. Critici e addetti ai lavori concordano nell’affermare che leggere romanzi permette di mantenere il buonumore (47%), aiuta a riprendere gradualmente i ritmi di vita quotidiana (33%) e a non farsi trovare impreparati nell’affrontare la realtà ed il futuro che ci attende (27%).

In particolare, i romanzi d’avventura (29%) e rosa (24%), sono consigliati per chi preferisce nel tempo libero evadere dalla realtà, in una dimensione fantastica, che possa ricordare magari luoghi e atmosfere vissute nel corso del proprio soggiorno estivo.

Per i più salutisti, amanti del benessere sia fisico che psicologico, psicologi e addetti ai lavori consigliano libri di cucina (18%) o legati al benessere (14%). Per chi vuole affrontare il post-vacanze nel segno della consapevolezza, gli esperti consigliano di leggere i grandi classici (16%), sempre utili per interpretare la realtà e le difficoltà che la caratterizzano, o pubblicazioni più legate all’attualità (20%).

Leggere vuol dire viaggiare con la fantasia ed entrare in storie lontane dalla realtà quotidiana”, afferma il sociologo Saro Trovato, “quindi di fatto porta la mente a compiere dei voli pindarici che aiutano a staccare dal presente. Se il presente, come nel caso di situazioni post-vacanze, è fonte di ansia, allora la lettura assume un significato benefico capace di portare benessere psicofisico”.

La lettura e i libri hanno una funzione altamente terapeutica, perché obbligano l’individuo alla riflessione”, afferma la psicologa e scrittrice Vera Slepoj. “Il libro è un grande veicolo di recupero della capacità perduta di saper stare con se stessi, la cui mancanza soprattutto in questo periodo dell’anno genera poi ansia. Il libro stimola la dialettica e mobilita la testa meglio di qualsiasi altro mezzo: la tv, ad esempio, è un mediatore tra te stesso e quello che vedi, ma non con quello che senti e quello che pensi.”

Quali sono gli stati d’animo più comuni del post-vacanze? Depressione per la conclusione del periodo di mancanza (39%), ansia per ciò che si andrà ad affrontare (31%), malinconia per i luoghi di villeggiatura lasciati alle spalle (22%), sfiducia (17%) sono secondo gli esperti i sentimenti che accomunano milioni di italiani al rientro dalle ferie.

Il momento migliore per leggere? Quando non si è ancora a pieno regime, le opportunità per leggere sono maggiori: leggere un libro mentre si è sui mezzi (28%) dedicare tempo per la lettura prima d’andare a letto (25%) o prima di andare a lavoro (23%) o in pausa (18%) favorisce la ripresa graduale delle proprie attività, sia fisiche che cognitive.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)