M'illumino di meno, oggi l'iniziativa dedicata al risparmio energetico

M'illumino di meno, oggi l'iniziativa dedicata al risparmio energetico (Foto di Gerd Altmann da Pixabay)

Tutta una comunità energetica” è il tema scelto da Radio 2 per l’edizione 2023 di “M’illumino di meno, iniziativa promossa dalla trasmissione di Radio Due Caterpillar, che ricorre oggi. Un tema che mette in risalto quest’anno l’autoconsumo collettivo di energia elettrica, considerato un pilastro della transizione energetica europea.

Diverse le realtà che hanno aderito alla manifestazione. Tra queste il Gestore dei Servizi Energetici S.p.A., che partecipa “supportando la diffusione delle comunità energetiche e dell’autoconsumo collettivo, sia in qualità di erogatore degli incentivi previsti per legge ed in via di definizione, che attraverso strumenti di formazione e iniziative di sensibilizzazione“.

Il GSE ha ideato, infatti, il Portale Autoconsumo: uno strumento pensato per permettere a gruppi di cittadini, amministrazioni e aziende, di avvicinarsi all’autoproduzione e alla condivisione di energia elettrica da fonti rinnovabili, simulando l’installazione di un impianto, l’investimento necessario per la realizzazione, i tempi di rientro ed il guadagno che una comunità energetica è in grado di generare, per chi aderisce e per la salvaguardia del pianeta.

Anche Adoc, associazione a tutela dei consumatori, aderisce all’iniziativa e, per l’occasione, tutte le sedi dell’Associazione sul territorio nazionale terranno spente tutte le luci e i dispositivi non essenziali e abbasseranno la temperatura dei climatizzatori.

“Quello della transizione ecologica è un obiettivo che l’Adoc sostiene sia per favorire comportamenti responsabili e virtuosi per le famiglie, sia per contrastare l’emergenza climatica e ridurre la dipendenza del nostro Paese dalle fonti fossili a beneficio del Pianeta – dichiara Adoc in una nota. – Il rispetto per l’ambiente è solo il primo passo per accrescere la consapevolezza dei consumatori”.

 

 

M’illumino di meno, ENEA presenta un modello di comunità energetica

In occasione della Giornata di oggi ENEA presenta il primo modello italiano di Comunità Energetica Rinnovabile (CER), un vero e proprio distretto urbano in grado di produrre e condividere energia ed erogare servizi ai cittadini.

“Si tratta di una microgrid virtuale che consente di integrare produzione e utilizzo dell’energia in modo intelligente e condiviso, basandosi sul cittadino prosumer della risorsa energetica, vale a dire nel ruolo sia di produttore che di consumatore”, sottolinea Stefano Pizzuti, responsabile della Divisione ENEA di Smart energy.

“Nel dettaglio – si legge in una nota – il modello ENEA consiste in una piattaforma in grado di fornire: valutazioni di tipo energetico, economico e finanziario delle CER o di gruppi di autoconsumo di energia rinnovabile; monitoraggio dei consumi di energia; strumenti di gestione e valorizzazione dei comportamenti virtuosi. I dati raccolti tramite sensori installati presso gli utenti finali e le informazioni provenienti da distributori e venditori di energia consentono di identificare i profili di consumo più efficienti. Inoltre, un servizio di scambio di beni e servizi darà ai cittadini la possibilità di sfruttare risorse locali in ottica di sharing economy e riduzione dell’impatto ambientale, passando dalla logica del possesso a quella dell’uso”.

Inoltre, per favorire lo sviluppo di nuove CER, ENEA ha sviluppato RECON, uno strumento di valutazione disponibile online, che consente di effettuare analisi preliminari di tipo energetico, economico e finanziario in ambito residenziale. Sulla base di semplici informazioni come consumi elettrici e caratteristiche degli impianti, RECON stima resa energetica, impatto ambientale, autoconsumo, condivisione dell’energia e flussi di cassa. Finora lo hanno adottato oltre 3mila utenti, tra cui università e operatori del settore energetico.

Il decalogo per il consumo sostenibile

M’illumino di meno rilancia, inoltre, 10 semplici azioni da compiere nel quotidiano, a favore della comunità energetica.

Spegni e fai spegnere le luci di casa tua, del tuo ufficio, del tuo condominio e del tuo comune.

-Prepara una cena antispreco in famiglia o nel tuo ristorante: con ricette svuota-frigo, alimenti a basso impatto ambientale, pasta cotta a fuoco spento.

Rinuncia all’auto: cammina, pedala, usa i mezzi pubblici o la mobilità condivisa.

-Organizza un’attività di sensibilizzazione sui temi dell’efficienza energetica e del cambiamento climatico: parlane con i tuoi studenti, con i colleghi, con i clienti.

Pianta alberi, piantine, fiori.

Metti in circolo gli oggetti che non usi più, per esempio con uno swap party.

Condividi per risparmiare: il viaggio in auto, il wi-fi…

Organizza un evento non energivoro: un concerto in acustico, uno spettacolo alimentato dalle pedalate del pubblico, una partita al buio, una serata di osservazione astronomica.

Fai un gesto sostenibile per l’ambiente in cui abiti o lavori: sbrina il frigorifero, applica il rompigetto ai rubinetti, installa una casetta per i pipistrelli…

-Indossa un maglione pesante e abbassa il riscaldamento!


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)