In arrivo un nuovo Codice contro il telemarketing selvaggio. Mette insieme consumatori, imprese e associazioni di contact center in un documento che unisce le regole di condotta e di gestione per le aziende e il rispetto dei diritti dei consumatori. L’obiettivo è un’attività di telemarketing corretta e lontana dalle telefonate moleste. Lo presenteranno domani a Roma l’OIC, Osservatorio Imprese e Consumatori, e l’associazione nazionale contact center in outsourcing Assocontact.

L’occasione per la presentazione del nuovo “Codice procedurale in materia di telemarketing e tutela del trattamento dei dati personali dei clienti” sarà il convegno “Telemarketing: rivoluzione in corso” che si svolgerà in mattinata alla Sala del Refettorio di Palazzo San Macuto della Camera dei Deputati.

Al centro del documento ci sono “regole di condotta e di gestione per le aziende e il rispetto dei diritti dei consumatori anche attraverso un dialogo continuo tra le diverse parti coinvolte (Associazioni e Istituzioni, imprese e cittadini) – informa una nota – Maggior forza al Codice Etico già approvato da Assocontact nel 2016 che stabilisce nero su bianco il diritto dei consumatori a non esser disturbati e tutela il lavoro dei dipendenti dei call center; infine, il divieto alle pratiche commerciali scorrette e ingannevoli”. Sarà anche una riflessione sui passi normativi fatti finora, sul rafforzamento del Registro delle Opposizioni e sull’introduzione del prefisso telefonico unico e del numero richiamabile.

Sostiene il presidente OIC Antonio Persici: “Il telemarketing rappresenta un settore importante per l’economia del nostro Paese: dà lavoro a migliaia di persone e sviluppa rilevanti volumi di fatturato. Svolto correttamente rappresenta un servizio utile per i consumatori e per le aziende committenti. Il Codice procedurale, sviluppato insieme ad Assocontact, risponde quindi alla necessità di garantire il rispetto dei diritti dei consumatori e delle imprese, proponendo regole di condotta che possano contribuire a migliorare il comparto per far diventare questa attività esclusivamente positiva per tutti”. Il Codice rappresenta dunque, prosegue Persici, “il punto di incontro tra imprese e consumatori” orientato al bene comune. Per il presidente di Assocontact Paolo Sarzana, “il settore dei call center, partendo dall’applicazione della nuova normativa di Telemarketing, ha definitivamente bisogno di regole e tutela, per le imprese che vi operano ed i loro dipendenti, e quindi a favore dei consumatori: il coinvolgimento della committenza dovrà essere il punto di partenza per rendere concreto quanto già previsto nel “Protocollo d’intesa”, peraltro in scadenza: remunerazioni congrue e tali da consentire il sostegno di servizi qualificati da parte di operatori virtuosi.”

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)