senza soldi tasche vuote

Sovraindebitamento fenomeno crescente

Adiconsum riduce i debiti di un pensionato e dimezza la rata che doveva pagare, da 1000 a 500 euro al mese, grazie al Fondo di prevenzione che gestisce su incarico del Ministero dell’economia.

Potrà dunque ricominciare a gestire con più serenità le spese quotidiane di vitto, fitto, spese sanitarie e rate varie, il pensionato che si è rivolto al Fondo di prevenzione del sovraindebitamento e dell’usura, gestito dal più di 20 anni da Adiconsum su incarico del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il Fondo è stato introdotto dall’ex art. 15  della legge sull’usura n. 108/1996. Le risorse del Fondo, che proprio nei giorni scorsi  ha compiuto venti anni di attività, si rivolgono alle famiglie in gravi difficoltà economiche.

Ed è proprio al Fondo che si è rivolto un pensionato con più di 40.000 euro di debiti nei confronti di vari creditori, che, per restituirli, versava ogni mese più di 1.000 euro.

Attraverso il Fondo di prevenzione del sovraindebitamento e dell’usura, infatti, è possibile ottenere un prestito agevolato, garantito da Adiconsum, a tassi minimi del 2% (contro quelli compresi tra il 9 e il 18% richiesti per queste tipologie di debito), da restituire con rate più basse e più sostenibili. Attualmente il Fondo può garantire finanziamenti fino a 50.000 euro con rientri fino a 120 mesi (10 anni). Attraverso l’azione del Fondo il pensionato ha visto ridursi il totale del debito e poi dimezzarsi la rata mensile da 1.000 a 500 euro.

Tutto questo, ricorda Adiconsum, è possibile nel caso in cui il debitore possegga i requisiti necessari per accedere al Fondo stabiliti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, che sono:

  • effettivo stato di bisogno del richiedente e serietà della ragione dell’indebitamento
  • capacità di rimborso del finanziamento documentata
  • entità dell’importo che deve rientrare nei limiti della garanzia che Adiconsum può offrire (fino a 50.000 euro)
  • impossibilità di accesso al credito legale (ad es. per segnalazione negative ai sistemi di informazione creditizia).

Parliamone ;-)