cibo

Food trends 2021, cibo come consolazione e sana alimentazione

A caccia dei food trends 2021, bisogna guardare nella cucina degli italiani.

Qui il cibo sarà ancora fonte di consolazione, come nel 2020 in pandemia. E sul cibo si cercherà la quadra perfetta fra ricerca di una sana alimentazione e comfort food, snack e dolci. Il cibo sarà di fonte di conforto soprattutto mettendo in tavola le ricette della tradizione e dell’infanzia.

Allo stesso tempo, la chiusura dei ristoranti porterà gli italiani a cercare di ricreare in casa quei piatti che si mangiavano fuori, magari con ricette particolari che interrompono la routine dei pasti.

Food trends 2021, cibo consolatorio e alimentazione sana

In cucina gli italiani hanno trascorso parte del lockdown. Le tendenze dell’anno nuovo per il cibo, i food trends 2021, raccontano cosa è cambiato sulla tavola e quale sarà la direzione che il cibo prenderà quest’anno.

Un focus viene da Bimby e Mintel che sono andati a caccia dei food trends 2021. Sono partiti da quello che è successo nel 2020, dalla voce dei consumatori e dai prodotti più consumati nel 2020.

Nell’anno appena trascorso, dice l’analisi, «il cibo ha assunto un ruolo “consolatorio”, capace di regalare momenti casalinghi di gioia ed evasione. A questo si è aggiunta l’attenzione per un’alimentazione sana, ricca dei giusti nutrienti».

Il lavoro da casa ha cambiato la pausa pranzo. Gli italiani hanno cucinato non solo la sera. Con i ristoranti chiusi, ogni tanto hanno cercato di portare in tavola piatti più elaborati e da ristorante. E hanno cucinato, questo è stato raccontato di continuo, mettendo più spesso di prima le mani in pasta.

 

dolci

 

Benessere mentale in cucina

I food trends del 2021 si muoveranno verso una maggiore attenzione al benessere mentale (attraverso il conforto del cibo), la ricerca di una sana alimentazione in grado di potenziare le difese immunitarie, la stagionalità degli ingredienti e le ricette “da ristorante” ma fatte in casa.

«La prima evidenza è che i consumatori sono alla ricerca di soluzioni che possano offrire momenti di relax e benessere mentale, come contrappeso alla preoccupazione e all’ansia – dice l’analisi di Bimby – Il cibo resterà la prima di queste soluzioni, fonte di conforto, soprattutto se si tratta di alimenti e ricette dai sapori e consistenze tradizionali, in grado di riportare alla propria infanzia».

A questo si aggiungono snack dolci e salati nell’ottica di un comfort food che, a questo punto, dovrà cercare la quadra con la ricerca di una sana alimentazione.

Alimentazione e difese immunitarie

Sarà infatti la corretta alimentazione un’altra delle tendenze del 2021. I consumatori cercheranno anche cibo che aiuti le difese immunitarie.

«Il 56% degli italiani intervistati, per esempio, soprattutto quelli nella fascia 16-34 anni, ha dichiarato di porre molta più attenzione alla propria alimentazione, scegliendo cibi in grado di rafforzare le proprie difese immunitarie».

Facile prevedere che aumenterà il consumo di prodotti biologici.

L’attenzione alla qualità dell’alimentazione premierà la stagionalità degli ingredienti e il km zero. I consumatori sceglieranno soprattutto ricette con ingredienti stagionali, facili da trovare, con la spesa “local” che sembra dare più sicurezza in termini di trasparenza, qualità degli ingredienti e convenienza economica (il fattore prezzo non andrà in secondo piano).

Ricette “da ristorante”

Fra i food trends 2021 anche la ricerca di ricette, da fare in casa, che possano ricreare i piatti del ristorante e interrompere la routine dei pasti anche attraverso nuovi tipi di cucina e una certa esplorazione nel cibo.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)