Trasporti, Diritti dei passeggeri

Diritti dei passeggeri al primo posto. Così almeno dovrebbe essere nel trasporto aereo. Proprio nel contesto estivo, di spostamenti più frequenti e più numerosi disagi, l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) ha richiamato Volotea e Wizz Air per ripetute violazioni dei diritti dei passeggeri.

L’Enac infatti, a seguito dei numerosi disservizi che si sono verificati nel corso delle ultime settimane causando disagi a centinaia di passeggeri, ha scritto alle compagnie aeree Volotea e Wizz Air richiamando i vettori al rispetto del Regolamento Comunitario numero 261 del 2004 che tutela i diritti dei viaggiatori aerei.

 

trasporto aereo
I diritti dei passeggeri aerei non sono stati tutelati dalle Ue in pandemia

 

“Ripetute violazioni dei diritti dei passeggeri”

I problemi riguardano soprattutto voli cancellati, overbooking e ritardi, e l’Enac vuole anche verificare i programmi delle due compagnie in relazione alla flotta a disposizione e agli equipaggi.

Le Direzioni Aeroportuali dell’Enac, informa una nota, «hanno riscontrato frequenti episodi di cancellazioni di voli, di overbooking e di ritardi prolungati da parte dei due vettori che hanno comportato notevoli disagi all’utenza, in alcuni casi creando anche problemi di ordine pubblico».

L’Enac ha comunicato alle compagnie Volotea e Wizz Air che al termine dei procedimenti di verifica, qualora fossero confermate le violazioni segnalate, saranno applicate le sanzioni di entità massima, tenuto anche conto del fatto che il mancato rispetto del Regolamento da parte dei vettori si è verificato più volte durante la stagione in corso. Il richiamo dell’Enac serve poi affinché le compagnie rispettino gli impegni assunti con la vendita dei biglietti aerei, riducendo i casi di overbooking e le cancellazioni.

Diritti dei passeggeri al centro

L’Enac ribadisce in questo modo la centralità dei diritti dei passeggeri. E «raccomanda a tutti gli operatori del settore, in considerazione degli spostamenti estivi, di attuare ogni azione necessaria ad assicurare sicurezza, efficienza e puntualità delle operazioni, evitare possibili criticità, verificare preventivamente l’adeguata disponibilità di risorse umane e di mezzi, garantire la qualità dei servizi e i diritti dei passeggeri, con particolare attenzione alle persone diversamente abili, agli anziani e ai soggetti non autosufficienti».

«Bene che l’Enac abbia già annunciato, terminate le verifiche, di voler applicare le sanzioni massime previste, che speriamo però siano comminate anche in caso di immediati correttivi, visto che sono stati già riscontrati dalle direzioni aeroportuali dell’Enac frequenti episodi di cancellazioni di voli, di overbooking e di ritardi prolungati che hanno dato addirittura problemi di ordine pubblico – ha detto Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori – A maggior ragione considerato che a luglio i prezzi dei voli nazionali sono aumentati del 17% rispetto a giugno e a giugno erano già saliti del 19,7% su maggio. Rialzi astronomici già inaccettabili, che diventano scandalosi in caso di disservizi».

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)