TUTELA CONSUMATORI. Sardegna, 6 Associazioni criticano l’operato della Regione

L’Assessorato al Commercio e Turismo della Regione Sardegna ha inaugurato qualche giorno fa il portale web sardegnaconsumatore.it. Contestualmente ha presentato il bando regionale per lo sviluppo di una rete di sportelli per la tutela e la promozione del territorio mettendo a disposizione le somme derivanti dalle multe Antitrust che il ministero dello Sviluppo Economico eroga alle regioni le quali devono ripartirle in progetti a favore dei consumatori in collaborazione con le Associazioni dei Consumatori. La decisione della regione Sardegna di coinvolgere solo alcune della Associazioni riconosciute dall’art.137 del Codice del Consumo ha amareggiato le sedi regionali di Altroconsumo, CODICI, Unione Nazionale Consumatori, Adusbef, Assoutenti e La Casa del Consumatore che, in una nota, hanno sottolineato che "il nuovo bando, con scadenza 9 agosto 2010, riporta le identiche modalità già contestate nel 2008".

Nel 2008, infatti, Altroconsumo e Unc avevano già contestato l’operato dell’Assessorato che aveva provveduto a pubblicare il bando nel periodo estivo, con modalità e tempi di partecipazione assai ristretti.

In relazione al nuovo bando, le Associazioni contestano, altresì, i numerosi requisiti richiesti per accedere al bando che di fatto escluderebbero molte associazioni, almeno quelle non strettamente legate a "logiche sportellistiche che nulla hanno a che fare con la tutela del consumatore".

Le sedi regionali di Altroconsumo, CODICI, Unione Nazionale Consumatori, Adusbef, Assoutenti e La Casa del Consumatore chiedono, pertanto, all’Assessorato di fare un passo indietro e "di iniziare un percorso serio e costruttivo con tutte le associazioni presenti sul territorio".

Comments are closed.