Osservatorio: come scegliere il miglior mutuo casa? Ecco alcuni consigli

Ottenere un finanziamento da parte delle banche o degli intermediari finanziari è tante volte indispensabile per privati ed imprese. Dall’acquisto di una nuova auto all’avvio di un’attività la liquidità delle banche può fare la differenza. Quando si sceglie di stipulare un mutuo o un prestito, tuttavia, non bisogna avere fretta. Scegliere con cura l’opzione ideale in relazione ai propri bisogni ci consentirà infatti di effettuare una scelta maggiormente consapevole. Per farlo possiamo porre i mutui più convenienti a confronto, in modo tale da trovare la soluzione ottimale.

Nel momento in cui valutiamo le offerte del mercato, inoltre, è bene ricordare che gli istituti di credito predispongono molto spesso soluzioni ed agevolazioni mirate in relazione alla tipologia del consumatore. Ad esempio, ai giovani lavoratori tornerà utile consultare le migliori offerte per mutui dedicati ai 35enni.

Spesso a richiedere un mutuo invece, è chi vuol metter su famiglia. In ogni caso il contraente deve fare i conti con le garanzie che la banca pretende di ottenere. Da luglio 2013 la domanda dei mutui sembra però conoscere una lieve ripresa e forse gli italiani si stanno facendo furbi nel riconoscere le migliori offerte e sfruttare le occasioni di un mercato immobiliare in crisi che ha abbattuto i prezzi delle case. Ecco dunque alcuni consigli utili per scegliere i migliori mutui e non accollarsi rate inadeguate al proprio reddito.

Il consiglio forse più importante è quello di valutare importo e durata del finanziamento in base al calcolo della rata del mutuo da rimborsare alla banca. La regola, in poche parole, è quella di scegliere una rata del valore non superiore al 35% del tuo reddito mensile netto. Avere una rata sostenibile per le proprie finanze è condizione fondamentale per poter pensare un giorno di estinguere il mutuo acceso.

Il secondo consiglio è quello di richiedere sempre alla banca una copia del contratto di mutuo, prima di apporre la firma. È importante infatti approfondire i termini tecnici del contratto e magari valutarli con l’aiuto di un esperto, sia un amico o un professionista del settore. L’attenzione va riposta soprattutto al Taeg (il tasso annuo effettivo globale) che identifica il reale costo complessivo del mutuo.

Proprio al Taeg, infatti, dobbiamo affidarci per valutare un confronto fra i mutui più convenienti, magari grazie a un comparatore online. Il Taeg include, oltre al tasso d’interesse, tutti quei costi extra come le spese di istruttoria e di perizia dell’immobile. Per scegliere il mutuo migliore bisogna quindi individuare l’offerta con il valore Taeg più basso.

Sempre durante la ricerca dei mutui casa più convenienti, occorre non fermarsi alla prima offerta che riteniamo soddisfacente. Importante è infatti confrontare diversi istituti di credito e valutare attentamente se conviene puntare un mutuo a tasso fisso o su un mutuo a tasso variabile. Nel caso preferissimo un tasso variabile sarebbe utile chiedere un’analisi preventiva del costo futuro del mutuo.

Quando chiediamo un mutuo in banca, inoltre, informiamoci sui tempi di erogazione: in media calcoliamo che occorrerà aspettare un minimo di 40/50 giorni prima che il credito sia rilasciato a seconda anche dell’importo richiesto.

Come ultimo consiglio, da non trascurare, vi segnaliamo la possibilità di inserire nel compromesso la clausola “proposta vincolata all’accettazione del mutuo” che ci permetterà  di non perdere l’acconto versato in caso di non ottenimento del mutuo dalla banca.

Comments are closed.