1. Skip to navigation
  2. Skip to content
  3. Skip to sidebar



Posts Tagged ‘istat’

Istat: ad aprile Italia in deflazione

venerdì, 29 aprile, 2016

Italia in deflazione anche ad aprile, con un dato preliminare doppio rispetto a quanto registrato a marzo. Le stime dell’Istat dicono infatti che ad aprile l’indice dei prezzi al consumo ha una variazione nulla su base mensile e una diminuzione su base annua pari a -0,4% (era -0,2% a marzo). L’inflazione acquisita per il 2016, come a marzo, è pari a -0,4%. (altro…)



Istat: sale il fatturato dell’industria e aumentano anche gli ordinativi

venerdì, 22 aprile, 2016

Secondo i dati resi noti oggi dall’Istat, a febbraio il fatturato dell’industria aumenta dello 0,1% rispetto a gennaio e diminuisce dello 0,2% su base annua (dati corretti per gli effetti di calendario; +2,4% il dato grezzo), mentre gli ordinativi salgono dello 0,7% su base mensile e del 3,8% rispetto a febbraio 2015. (altro…)



Deflazione, UNC: dipende da prezzo del petrolio ma anche dai consumi al palo

martedì, 19 aprile, 2016

Dopo la conferma dell’Istat, è allerta deflazione. A marzo si confermano le stime di un’inflazione a -0,2% su base annua (i prezzi maggiormente in calo sono quelli degli energetici non regolamentati a -11,2% da -8,5% di febbraio). Oggi Roberto Monducci, capo dipartimento produzione statistica dell’Istat, spiega che la deflazione italiana arriva dall’estero ed è legata al forte calo dei prezzi all’import e che rappresenta comunque un fattore positivo per la ripresa dei margini di profitto delle imprese. “E’ certamente vero che la deflazione dipende anche dall’andamento del prezzo del petrolio, ma deriva anche dal mancato decollo della domanda e dal fatto che i consumi delle famiglie sono ancora al palo” commenta Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori. (altro…)



Istat: la deflazione allarma le associazioni dei consumatori

giovedì, 14 aprile, 2016

Secondo mese con segno negativo per l’andamento dei prezzi al consumo su base annua che, nel mese di marzo scendono in 22 città italiane (a febbraio erano 20). Tra queste, i cali hanno riguardato anche grandi città come Roma (-0,5%), Firenze (-0,4%), Napoli (-0,1%), mentre Potenza e Bari hanno conosciuto i ribassi più forti (-1,1%). (altro…)



Noi Italia 2016, Istat fotografa un Paese diviso (ancora) a metà

giovedì, 7 aprile, 2016

La vecchia divisione Nord/Sud del nostro Paese non è poi così tanto vecchia. Regge eccome e ad attestarlo è il Rapporto dell’Istat “Noi Italia” del 2016 che fotografa quasi due paesi distinti: un Nord-Italia con una ricchezza doppia rispetto al Sud. Il Pil pro capite al Nord si aggira sui 30mila euro (29.734 euro nel Nord Est e 30.821 euro nel Nord Ovest) mentre al Sud si attesta a 16.761 euro. Sono dati del 2014, con una media nazionale di 25.256 euro, la più bassa dal 2004. Ci sono grandi differenze sul territorio: si va dalla provincia autonoma di Bolzano con il livello più alto, alla Calabria con il più basso. (altro…)



Istat: nel 2015 cresce il potere d’acquisto delle famiglie

lunedì, 4 aprile, 2016

Nel 2015 cresce il potere d’acquisto delle famiglie italiane, aumentato dello 0,8% e primo rialzo da otto anni, mentre rimane stabile la propensione al risparmio. Il reddito disponibile delle famiglie consumatori è aumentato nel 2015 dello 0,9%: nel dettaglio, l’ultimo trimestre dell’anno ha registrato una flessione dello 0,6% rispetto al trimestre precedente e un aumento dell’1,1% su base annuale. Il dato viene dalla fotografia su reddito e risparmio delle famiglie diffusa oggi dall’Istat. Per i Consumatori è un aumento insufficiente e allo stesso tempo ottimista. (altro…)



Istat: marzo in deflazione, giù il carrello della spesa

giovedì, 31 marzo, 2016

Marzo si conferma in deflazione, mentre scendono i prezzi del carrello della spesa. Le stime preliminari diffuse oggi dall’Istat dicono che a marzo l’inflazione aumenta dello 0,2% su base mensile e registra una diminuzione su base annua pari a -0,2% (era -0,3% a febbraio). I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona diminuiscono dello 0,1% rispetto a febbraio e dello 0,3% su base annua. Secondo le associazioni dei consumatori, sono dati che dimostrano come la ripresa sia ancora lontana. (altro…)



Istat: Italia leader per Doc e Igp. Soddisfazione del Ministro Martina

venerdì, 25 marzo, 2016

Resta confermato il primato dell’Italia numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg attribuiti dall’Unione europea. Lo rivela l’Istat che ha diffuso oggi i dati relativi al settore agroalimentare del nostro Paese. I prodotti agroalimentari di qualità riconosciuti al 31 dicembre 2014 sono 269 (8 in più rispetto al 2013): tra questi, quelli attivi sono 257. A livello europeo, la certificazione di qualità è attribuita a 805 prodotti: 283 nella categoria “Food” e 523 in quella “Wine”. (altro…)



Federconsumatori- Adusbef: più occupazione per dire addio alla crisi

giovedì, 24 marzo, 2016

“Nella media del trimestre novembre 2015-gennaio 2016, il valore delle vendite registra una variazione negativa dello 0,1% rispetto al trimestre precedente”.Ci pensa l’Istat a smorzare gli entusiasmi sull’imminente uscita dalla crisi. Sono stati diffusi oggi i dati relativi alle vendite sul commercio al dettaglio. Su base annua, dice l’istituto nazionale di statistica, l’indice grezzo del commercio al dettaglio è diminuito dello 0,8%. (altro…)



Istat conferma: a febbraio Italia torna in deflazione

martedì, 15 marzo, 2016

L’Italia si conferma in deflazione. A febbraio si registra una diminuzione dei prezzi al consumo dello 0,3% su base annua e una riduzione dello 0,2% anche su base mensile. Mentre calano i prezzi del carrello della spesa: i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona sono infatti in flessione dello 0,1% rispetto al mese di gennaio e dello 0,4% su base annua. Il dato viene dall’Istat, che conferma i dati preliminari sull’inflazione di febbraio. Le associazioni dei consumatori: la ripresa è lontana. (altro…)



L’Italia torna in deflazione. Istat: a febbraio prezzi giù dello 0,3%

lunedì, 29 febbraio, 2016

L’Italia torna in deflazione. Secondo le stime preliminari diffuse oggi dall’Istat, l’indice dei prezzi al consumo a febbraio di quest’anno diminuisce dello 0,2% su base mensile e dello 0,3% su base annua (era +0,3% a gennaio). Calano su base annua i prezzi di quasi tutti i prodotti. Anche i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona diminuiscono dello 0,1% rispetto a gennaio e dello 0,4% su base annua (mentre a gennaio era +0,3%). La preoccupazione dei Consumatori. (altro…)



Istat: a febbraio va giù la fiducia dei consumatori

giovedì, 25 febbraio, 2016

A febbraio va giù la fiducia dei consumatori. Secondo quando diffuso oggi dall’Istat, l’indice del clima di fiducia dei consumatori diminuisce a 114,5 da 118,6 del mese precedente, anche se, dice l’Istituto, “nonostante la flessione, l’indice si mantiene sui livelli elevati registrati negli ultimi mesi”. Al contrario sale a 103,1 da 101,4 il clima di fiducia delle imprese. Vanno giù tutte le stime delle componenti del clima di fiducia dei consumatori: la flessione risulta più sensibile per le componenti economica e futura, più contenuta per le componenti personale e corrente. A stretto giro arrivano i commenti dei Consumatori: preoccupati, perchè non c’è stato alcun miracolo e le famiglie sono ancora in difficoltà. (altro…)



Inflazione, Istat: a gennaio più 0,3% sull’anno

lunedì, 22 febbraio, 2016

A gennaio di quest’anno l’inflazione diminuisce dello 0,2% rispetto a dicembre e aumenta dello 0,3% nei confronti di gennaio 2015 (era +0,1% a dicembre), confermando la stima preliminare dell’Istat. Si raffredda il carrello della spesa, che passa a più 0,3% su base annuale. Per l’Istat, che ha diffuso oggi i nuovi dati sui prezzi al consumo, il lieve rialzo dell’inflazione è principalmente imputabile al ridimensionamento della flessione dei Beni energetici non regolamentati (-5,9%, da -8,7% di dicembre) e all’inversione della tendenza dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+0,5%, da -1,7% di dicembre); questa dinamica è attenuata dal rallentamento della crescita degli Alimentari non lavorati (+0,6%; era +2,3% il mese precedente). Il ribasso mensile dell’indice generale è invece essenzialmente dovuto alla diminuzione dei prezzi dei Beni energetici (-2,4%). (altro…)



Economia, Istat: cresce reddito famiglie, imprese ancora incerte

venerdì, 5 febbraio, 2016

Le prospettive economiche di famiglie e imprese a breve termine stanno andando in direzioni diverse: le famiglie recuperano reddito, le imprese hanno una ripresa ancora incerta e altalenante. La nota mensile sull’andamento dell’economia italiana diffusa dall’Istat evidenzia un doppio binario. “Le prospettive economiche delle famiglie e delle imprese appaiono evolversi in modo diverso – dice l’Istat – Mentre per le prime ci si attende il proseguimento della crescita del reddito disponibile, per le imprese non si segnala ancora un generalizzato aumento dei ritmi produttivi”. (altro…)



Inflazione, stime Istat: a gennaio più 0,3% sul 2015

mercoledì, 3 febbraio, 2016

Stime preliminari per l’inflazione: a gennaio l’indice dei prezzi al consumo diminuisce dello 0,2% rispetto al mese di dicembre e aumenta dello 0,3% nei confronti di gennaio 2015 (a dicembre era +0,1%). I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona diminuiscono dello 0,1% su dicembre e aumentano dello 0,4% su base annua (da +0,9% del mese precedente), mentre i prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto diminuiscono dello 0,3% in termini congiunturali e registrano un aumento su base annua dello 0,2%. (altro…)



Istat: a gennaio va su la fiducia dei consumatori

mercoledì, 27 gennaio, 2016

Clima di fiducia al nuovo massimo storico per i consumatori: è quanto afferma oggi l’Istat. A gennaio infatti l’indice del clima di fiducia dei consumatori aumenta a 118,9 da 117,7 del mese precedente e “tutte le stime delle componenti del clima di fiducia dei consumatori migliorano – aggiunge l’Istituto – L’incremento risulta maggiore per le componenti personale e corrente e più contenuto per la componente economica e quella futura”. (altro…)