amore online

Agenzie matrimoniali e siti d'incontri online, ecco come tutelarsi

Siti di incontri e agenzie matrimoniali online, cercare l’anima gemella si può fare anche in questo modo. Ma in occasione di San Valentino, dal CEC – Centro Europeo Consumatori Italia arriva l’invito a stare attenti, perché se aumenta il numero dei consumatori che fanno acquisti online, e aumentano gli internauti che vanno alla ricerca di un’amicizia o di un partner sul web, c’è sempre il rischio di incappare in qualche abbonamento a servizi non richiesti.

Alcuni consumatori «non coronano affatto il romantico sogno, ma piuttosto incappano in indesiderati abbonamenti a pagamento o truffe di vario genere, ben note al Centro Europeo Consumatori Italia».

«Anche nel 2019 il nostro Centro ha ricevuto molteplici richieste di assistenza da parte di consumatori che lamentavano esorbitanti addebiti ad opera di siti di incontri che, proponendo allettanti prove gratuite o particolarmente convenienti, finivano col rivelarsi delle trappole senza via d’uscita», dice il direttore Maria Pisanò.

Spesso infatti i consumatori, al momento dell’iscrizione, non vengono adeguatamente informati su quali servizi sono inclusi nella versione gratuita e quali invece sono a pagamento; le indicazioni relative alle modalità di esercizio del diritto di recesso sono spesso poco chiare o inesistenti, così come quelle riguardanti la disdetta dell’abbonamento, difficilmente reperibili o addirittura assenti.

 

Scatola di cioccolatini
San Valentino, il regalo migliore resta il cioccolato

 

 

Siti d’incontri online, ecco come tutelarsi

Come tutelarsi allora se si decide di cercare l’anima gemella online? «Sono sufficienti pochi e semplici accorgimenti», spiega Monika Nardo, coordinatrice dell’ufficio di Bolzano, che in primo luogo consiglia di «verificare dove si trova la sede legale dell’azienda titolare del sito: se questa si trova in uno stato vincolato all’applicazione della normativa europea a tutela del consumatore, è obbligato a fornire determinate informazioni prima della sottoscrizione dell’abbonamento».

Ecco dunque a cosa fare attenzione.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

  • In primo luogo è necessario che sul sito siano pubblicati i recapiti, l’indirizzo e i dati identificativi del professionista; un sito web che non contiene tali informazioni non può ritenersi affidabile;
  • Le condizioni contrattuali, che è indispensabile leggere ogni qualvolta si decida di concludere una transazione online (e non solo) devono esplicitare la differenza tra iscrizione gratuita e creazione gratuita di un profilo contestuale alla sottoscrizione di un abbonamento a pagamento che consente l’accesso ad altri servizi;
  • Il diritto di recesso può essere esercitato entro 14 giorni anche a seguito della sottoscrizione di un abbonamento online. Se si ha un ripensamento ma l’erogazione del servizio è già iniziata, il recesso non è più esercitabile solo a patto che  si abbia espressamente acconsentito a tale limitazione e che ne sia stata data adeguata informazione prima della conclusione del contratto;
  • Un abbonamento non può costituire un vincolo perpetuo, per cui nelle condizioni generali del contratto devono essere esplicitate anche le modalità di disdetta dell’abbonamento.

Parliamone ;-)