Carburanti, prezzi in salita: 1,955 euro/litro per la benzina "servito", 2,016 euro per il diesel

Carburanti, prezzi in salita: 1,955 euro/litro per la benzina "servito", 2,016 euro per il diesel

Aumentano ancora i prezzi dei carburanti. “Con le quotazioni internazionali ieri in forte calo, non si riscontrano per ora variazioni sui prezzi raccomandati sulla rete carburanti nazionale – osserva Quotidiano Energia. – Mentre si completa intanto il recepimento del nuovo livello di accise, scattato il 1° gennaio: il monitoraggio dei prezzi praticati alla pompa mostra infatti medie in salita“.

Nel dettaglio, in base all’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi del Mimit aggiornati alle 8 di ieri 4 gennaio, il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self è 1,814 euro/litro (1,806 il dato precedente), mentre il prezzo medio praticato del diesel self è a 1,875 euro/litro (contro 1,867).

Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato è 1,955 euro/litro (1,947 il valore precedente), mentre la media del diesel servito è 2,016 euro/litro (contro 2,008). Infine, i prezzi praticati del Gpl si posizionano tra 0,799 e 0,811 euro/litro, mentre il prezzo medio del metano auto si colloca tra 2,301 e 2,619.

Carburanti, Adoc: le famiglie si trovano a spendere 165 euro al mese

“Dal 1° gennaio 2023 muoversi in auto è diventato più costoso – afferma Anna Rea, Presidente di Adoc, in una nota diffusa ieri -. L’anno nuovo si apre con un significativo aumento di benzina, gasolio e Gpl, tornati al livello del 21 marzo 2022. Un ulteriore aggravio per le famiglie italiane che, ora, si trovano a spendere mediamente 165 euro al mese, rispetto ai 145 euro nel 2022. Aumenti che si ripercuoteranno su tutti i trasporti di prodotti, beni e servizi, pesando ancor di più nelle tasche delle famiglie italiane. Il tutto con un’inflazione che viaggia a due cifre”.

Adoc si dichiara, dunque, “insoddisfatta” del lavoro fatto fino ad ora dal Governo Meloni. “La crisi – prosegue Rea – l’hanno pagata, e continuano a pagarla, i consumatori italiani. È ora di dire basta: siamo arrivati al capolinea. Tutto ciò è diventato insostenibile”.

Faib Confesercenti: ci aspettiamo una urgente convocazione del Governo

Anche Faib Confesercenti ha espresso preoccupazione per i rincari dei carburanti: “I rincari andranno ad incidere, su base annua, per 300 euro a famiglia, rispetto a marzo, e 180 euro rispetto a dicembre, senza tener conto dell’effetto traino che produrrà su tutti i beni di consumo e sull’inflazione interna che è già a livelli preoccupanti. Ogni pieno di benzina costerà in media 15 euro in più rispetto a 10 mesi fa”.

“Ci aspettiamo – afferma Giuseppe Sperduto, Presidente nazionale Faib Confesercenti – una urgente convocazione del Governo, come promesso dal Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica Gilberto Pichetto Fratin, per riaprire il tavolo di lavoro, perché in ballo c’è il futuro della mobilità del Paese, della logistica e delle persone, oltre a 250 mila occupati nelle stazioni di servizio, nella raffinazione e nel principale indotto produttivo e dei servizi”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)