commercio elettronico

E-commerce sotto i riflettori dell’Antitrust. L’Autorità ha infatti concluso tre procedimenti istruttori nei confronti di società attive nel commercio elettronico e ha deciso sanzioni complessive per 515 mila euro. Il motivo: offerta online di prodotti non disponibili, mancata consegna della merce comprata, ostacolo al rimborso.

Le società coinvolte, operanti nella vendita online di apparecchiature elettroniche per telecomunicazioni e di altri componenti attraverso i rispettivi siti aziendali sono: Tecnotrade S.r.l.s. (www.tecnotradeshop.it.) multata per 65 mila euro; HP Group S.r.l. (www.plazalo.com) sanzionata per 200 mila euro e Tiger Group S.r.l. (https://www.tigershop.it) nei confronti della quale la sanzione è di 250 mila euro.

 

ecommerce

 

E-commerce, i motivi delle sanzioni

I tre procedimenti istruttori hanno consentito di accertare, informa l’Antitrust, che «gli operatori offrivano on line prodotti che non erano disponibili, non procedevano a consegnare ai consumatori la merce da questi acquistata, né restituivano le somme versate nonostante i reiterati reclami e gli annullamenti degli ordini da parte dei consumatori».

L’intervento dell’Autorità si inquadra in un filone più ampio volto ad assicurare il corretto sviluppo dell’e-commerce, anche attraverso la repressione di fenomeni quali la mancata consegna della merce ordinata e regolarmente pagata dai consumatori, l’ostacolo al rimborso e la divulgazione di informazioni fuorvianti in merito al reale stato degli ordini di acquisto.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)