Istat fiducia dei consumatori

Istat: a luglio sale la fiducia dei consumatori

Fiducia dei consumatori in aumento ad aprile. È quanto registra l’Istat che stima, per aprile 2021, un aumento dell’indice del clima di fiducia dei consumatori. Questo sale infatti da 100,9 a 102,3.

Aumenta la fiducia delle imprese (da 94,2 a 97,3) per il quinto mese consecutivo, anche se il livello raggiunto è ancora un po’ inferiore a quello precedente l’emergenza sanitaria.

Anche l’indice di fiducia dei consumatori commenta, dice l’Istat, «dopo il deterioramento registrato nel mese di marzo. In questo caso la crescita è trainata dalle aspettative sia sulla situazione economica del paese, sia su quella familiare».

Su la fiducia dei consumatori

Tutte le componenti dell’indice di fiducia dei consumatori sono infatti in aumento.

 «Il clima economico e quello personale passano, rispettivamente, da 90,2 a 91,6 e da 104,5 a 105,9. Il clima corrente aumenta da 96,7 a 97,4 e quello futuro, che registra l’incremento più marcato, sale da 107,1 a 109,6».

Consumatori: effetto vaccinazioni e riaperture

Per l’Unione Nazionale Consumatori è un dato «positivo e incoraggiante».

«L’accelerazione del calendario vaccinale, per quanto non ancora ottimale, ha certamente contribuito a dare speranze agli italiani, a creare un clima di maggior fiducia e a ritenere possibile un ritorno ad una vita quasi normale, almeno per questa estate, senza lockdown e soprattutto con la possibilità di poter tornare a lavorare a pieno regime», dice Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

Che però sottolinea la condizione immutata nel reddito delle famiglie. E chiosa: «Attenzione, però, ora servono miglioramenti economici reali, altrimenti i dati ritorneranno a precipitare. Il giudizio sulla situazione economica dell’Italia, infatti, è ancora peggiorato. Inoltre, – aggiunge Dona – siamo lontani anni luce dal clima di fiducia pre-Covid. Rispetto a febbraio 2020, ultimo mese pre-lockdown, la fiducia è inferiore di 8,5 punti, addirittura 9,7 punti rispetto a gennaio 2020, ultimo mese pre-pandemia».

Numeri inferiori ai livelli pre-pandemia

L’iniezione di fiducia viene da riaperture e vaccini, dice anche il Codacons. «Le notizie sulle riaperture di ristoranti, cinema, teatri e progressivamente di tutte le attività e la campagna vaccinale in corso hanno avuto nel mese di aprile un effetto diretto sul clima di fiducia dei consumatori, che risulta in crescita – commenta il Codacons – Un dato che consentirà di sostenere la ripresa economica del paese, perché in un clima di maggiore fiducia le famiglie sono propense ad aumentare i consumi, ridotti drasticamente a causa dell’emergenza sanitaria. I numeri sulla fiducia, tuttavia, sono ancora inferiori a quelli del periodo pre-Covid, ed in tal senso è necessario che il Governo operi per riportare il paese alla normalità nel minor tempo possibile».

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)