coop contro lo spreco

Coop contro lo spreco alimentare

C’è il progetto “Buon Fine” con la merce donata in solidarietà. Lo scorso anno, ha portato al recupero di 5 mila tonnellate di cibo destinate a centinaia di associazioni di volontariato, l’equivalente di 5,7 milioni di pasti. E c’è il progetto “Mangiamo subito” che vende a prezzi scontati alimenti vicini alla scadenza. È l’impegno di Coop contro lo spreco alimentare, ricordato in occasione della Giornata nazionale contro lo spreco alimentare di oggi.

 

 

coop contro lo spreco
coop contro lo spreco alimentare. Fonte: www.coopnospreco.it

 

Coop contro lo spreco alimentare

Il processo virtuoso è quello che porta da spreco a risorsa. Nel 2020, dice la Coop, il progetto “Buon Fine”, ovvero la merce donata in solidarietà ha ottenuto un nuovo primato tenendo anche conto delle limitazioni di un anno dominato dalla pandemia.

Sono state donate 5 mila tonnellate di derrate alimentari, in grado di generare non meno di 5,7 milioni di pasti, per un valore pari a 26 milioni di euro. A beneficiarne 960 associazioni di volontariato in tutta Italia.

Il 70% di queste donazioni interessa prodotti freschi e freschissimi. Il modello seguito da Coop nella limitazione dello spreco alimentare è quello della “donazione a chilometro zero”. Dai punti vendita coinvolti (680, il 60% della rete Coop) si raggiunge la destinazione individuata, una mensa, una casa di accoglienza, seguendo una “rete protettiva” diversa a seconda dei territori.

Coop si impegna contro lo spreco alimentare anche attraverso  “Mangiami subito”, l’altra misura di contrasto allo spreco alimentare fatta attraverso la vendita di prodotti prossimi alla scadenza a prezzi scontati (in media il 50 % a fine giornata). Queste ultime sempre nel corso del 2020 ammontavano a oltre 40 milioni di euro.

I particolari del progetto Coop sul non spreco si trovano sul sito www.coopnospreco.it.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)