Nel corso dell’anno che si è appena concluso, la Guardia Costiera ha effettuato 73.183 controlli, elevando 4.946 sanzioni amministrative per un importo totale di 7.690.443 Euro. Si è proceduto inoltre al sequestro complessivo di 699.366 chilogrammi di prodotto ittico. Gli illeciti maggiormente riscontrati nel corso di questi controlli sono stati la violazione sulle norme riguardanti la tracciabilità e l’etichettatura  , la pesca illegale e il mancato rispetto delle norme relative alla pesca sportiva.
Le categorie di soggetti maggiormente colpita da sanzioni, in relazione al numero dei controlli, risultano essere quelle della ristorazione e delle “pescherie”.  L’analisi del dato riferito all’intero periodo dell’anno evidenzia inoltre una predominanza di violazioni riscontrate nel mese di dicembre, dovuta all’incremento dei controlli a tutela dei cittadini in un periodo così delicato dell’anno che per “tradizione” registra un aumento della domanda da parte del consumatore.
“La continuità e la capillarità dei controlli effettuali dal Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera nel corso del 2012 hanno portato a risultati importanti. Si tratta di un’attività fondamentale per la tutela non solo della salute dei consumatori, ma anche delle risorse marine del nostro Paese. Un aspetto, quest’ultimo, che in una fase storica in cui gli stock ittici sono in costante diminuzione riveste una rilevanza capitale per il futuro dei nostri mari” ha commentato il ministro Mario Catania.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)