Giornata del Riciclo, Legambiente lancia il Cash Mob Etico per promuovere acquisti sostenibili

Giornata del Riciclo, Legambiente lancia il Cash Mob Etico per promuovere acquisti sostenibili

Il 18 marzo ricorre la quarta edizione della Giornata Mondiale del Riciclo, iniziativa istituita nel 2018 dalla Global Recycling Foundation per sensibilizzare cittadini ed istituzioni alla tutela ambientale.

Per l’occasione, Legambiente, con i progetti ECCO – Economie Circolari di COmunità e Metti in Circolo il Cambiamento, insieme a Next – Nuova Economia per tutti, lancia una due giorni di Cash Mob Etico, la mobilitazione collettiva per promuovere acquisti e buone pratiche eco-sostenibili attraverso piccole azioni concrete.

Dal 16 al 18 marzo, collegandosi al sito http://bit.ly/30VNR5j è possibile conoscere le realtà aderenti e acquistare uno dei prodotti proposti.

Giornata del Riciclo, alcuni dati sui rifiuti urbani

Ogni anno produciamo un enorme quantitativo di rifiuti urbani. Solo nel 2019, secondo i dati diffusi da Legambiente, ne abbiamo prodotti 30 milioni di tonnellate, per un quantitativo pro capite di circa 500 chili.

Stando alle ultime stime (Rapporto ISPRA 2020), solo a Roma ogni abitante produce 615 kg di rifiuti l’anno, per un totale di oltre 1 milione e settecento tonnellate. A Milano, i rifiuti pro capire sono invece 507 kg l’anno, per un totale di più di 700mila tonnellate.

Il Cash Mob Etico

“Ognuno di noi ha a disposizione una serie di “superpoteri” per difendere il nostro Pianeta dalle emissioni di CO2 e dall’impatto ambientale che i nostri rifiuti provocano – afferma Legambiente. – Uno fra tutti è il Voto col Portafoglio, ovvero scegliere cosa compriamo, favorendo le realtà locali sostenibili e solidali che promuovono un’economia equa e a zero sprechi”.

Per questo, l’associazione ambientalista con i progetti ECCO e Metti in Circolo il Cambiamento insieme a Next – Nuova Economia per Tutti, Gioosto, la piattaforma online di acquisti sostenibili, e la start-up EyeOnBuy promuovono il Cash Mob Etico.

Dai cesti pasquali alle attività per bambini, dai pc rigenerati ai saponi derivati da oli esausti, ecco alcune realtà che hanno aderito:

  • Reware: cooperativa e impresa sociale di erogazione servizi informatici volti all’allungamento del ciclo di vita delle apparecchiature elettroniche ed informatiche; online è possibile acquistare pc e laptop rigenerati.
  • Terra Felix: cooperativa sociale che ha l’obiettivo di tutelare, promuovere e valorizzare il territorio campano e Casertano. È possibile acquistare online un pranzo presso la Tipicheria o visitare lo store per acquistare prodotti locali.
  • Scambiologico: la prima green station d’Italia che diventa bottega sociale ed emporio equo e solidale. Tra le proposte, le colombe pasquali locali, prodotti sfusi o di fair trade, il commercio equo e solidale per sostenere i diritti di produttori marginalizzati dal mercato e dei suoi lavoratori, specialmente nel Sud del mondo.
  • Cascina Govean: Centro di Educazione Ambientale che propone pranzi nel suo eco-ristorante e attività di educazione ambientale per bambini.
  • Cooperativa Sociale Insieme, con la sua campagna New is Over, nuovo progetto di sartoria rigenerata che realizza artigianalmente capi unici in monofibra e ne promuove l’acquisto online.
  • Felici da Matti: Cooperativa Sociale che, grazie al riciclo e al recupero di oli esausti, ne produce saponi e detergenti ecologici, attraverso l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati.
  • Made in carcere: Cooperativa sociale che produce borse e accessori nati dall’utilizzo di materiali e tessuti esclusivamente di scarto e realizzati a cura di donne detenute.

 

Acquisti Giornata del Riciclo

 

I giovani “imprenditori circolari”

Tra le realtà e i progetti da tenere d’occhio, spiccano le proposte dei giovani “imprenditori circolari” vincitori del contest Giovani energie creative per il futuro del Pianeta: 13 idee green che hanno superato la selezione del bando lanciato dal progetto Metti in circolo il cambiamento, finanziate con 3mila euro ognuna per avviare concretamente i progetti.

Tra queste, per la giornata del riciclo, Legambiente ne segnala alcune:

  • ART ÈCO, Ispirazione secondo natura: un progetto innovativo che nasce dal bisogno di passare dal fast fashion ad uno slow fashion più etico, naturale, duraturo, a basso impatto ecologico.
  • Innovazione e sostenibilità caratterizzano anche il progetto Womannature, che propone una linea di slip e mutande assorbenti per il ciclo, perdite urinarie e post parto, lavabili, di diversa assorbenza, realizzate con tessuti certificati made in Italy.
  • Altro progetto premiato, fortemente incentrato sul riciclo, è Agronfire: panetti di diavolina accendifuoco naturali, realizzati con scarti alimentari provenienti da industrie siciliane di prodotti a base di agrumi e cera d’api scartata dagli apicoltori.

La Giornata del Riciclo si celebra anche su Facebook

Quest’anno sarà possibile celebrare la Giornata Mondiale del Riciclo anche sui social. Disponibile su Facebook una Facebook Frame: cornice dedicata al tema del riciclo da condividere sui propri profili. Riciclo tutto, tranne le battute è il motto della campagna social.

Inoltre, al termine delle due giornate di Cash Mob Etico, è previsto un incontro online dedicato al consumo critico.

L’evento, che si terrà il 18 marzo alle 10.30 in diretta Facebook, vedrà la partecipazione di Lorenzo Barucca, responsabile economia civile Legambiente, Giovanni Battista Costa, presidente NeXt, Nuova Economia per Tutti, Leonardo Becchetti, direttore scientifico Next, Nuova Economia per Tutti.

Interverranno, inoltre, i RiHub del progetto ECCO, poli di economia circolari disseminati in tutta Italia, i giovani e le idee green del progetto Metti in Circolo il Cambiamento le realtà di Gioosto, E-commerce sostenibile.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)