Global Strike per la giustizia climatica e sociale (Immagine credit Fridays for Future)

Il futuro del nostro pianeta è in pericolo, e l’urgenza di agire è diventata una priorità incontestabile. Il 19 e 20 aprile si svolgerà così il Global Strike per la giustizia climatica e sociale, una manifestazione organizzata dai Fridays For Future che coinvolgerà migliaia di persone in tutto il mondo. Il Global Strike è più di una semplice protesta; è un grido di battaglia per il cambiamento, un appello diretto affinché vengano adottate politiche e azioni reali per contrastare la crisi climatica che sta minacciando il nostro pianeta. Da Roma a Napoli, da Bologna a Bari, da Milano a Palermo, le piazze italiane saranno invase da giovani attivisti e diverse associazioni, uniti nel chiedere un’azione immediata e determinata.

Il tema centrale del Global Strike è l’abbandono del modello energetico basato sulle fonti fossili. È un appello urgente per una transizione energetica corretta, che promuova l’uso di energie rinnovabili e sostenibili per ridurre le emissioni di gas serra e mitigare l’impatto devastante del cambiamento climatico.

La manifestazione, però, non si limiterà solo a questa richiesta. Quest’anno, il Global Strike si estenderà anche alla questione della pace e del lavoro. A Milano, sabato 20 aprile, si terrà una manifestazione nazionale che unirà il tema della giustizia climatica a quello del lavoro e della pace.

Il coinvolgimento del collettivo di fabbrica GKN e dell’associazione Giovani Palestinesi evidenzia il legame stretto tra le sfide ambientali, sociali ed economiche che l’intera comunità sta affrontando. È un richiamo alla necessità di un movimento intersezionale, che comprenda non solo il mondo giovanile, ma anche il mondo del lavoro, dell’istruzione, delle correnti pacifiste e transfemministe.

Inoltre, è significativo il coinvolgimento del sindacato Sisa per tutto il personale docente, dirigente e ATA. Questo sottolinea l’importanza di affrontare le sfide legate alla giustizia climatica e sociale anche nel contesto educativo. È fondamentale che le future generazioni siano consapevoli dei problemi ambientali e sociali di questi tempi in modo tale che siano motivate a essere anche loro parte attiva del cambiamento.

La mobilitazione del Global Strike assume quindi una connotazione plurale e inclusiva. Per invertire questa tendenza distruttiva è infatti necessario agire con determinazione perché non si tratta più solo di salvare il nostro pianeta dall’inarrestabile avanzata del cambiamento climatico, ma anche di affrontare le disuguaglianze sociali e le ingiustizie che ne derivano. Alla manifestazione aderirà fra gli altri Legambiente.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)