Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, a che punto siamo in Italia? Il Rapporto Istat

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, a che punto siamo in Italia? Il Rapporto Istat (Fonte immagine: Pixabay)

L’Istat ha presentato oggi il Rapporto sui Sustainable Development Goals (SDGs-Obiettivi di Sviluppo Sostenibile), con l’aggiornamento e l’analisi delle misure statistiche finalizzate al monitoraggio dell’avanzamento dell’Agenda 2030 per il nostro Paese.

Secondo quanto spiegato dal Presidente dell’Istat Gian Carlo Blangiardo nella prefazione del documento, “i due anni di emergenza pandemica hanno avuto un impatto percepibile nel rallentamento o addirittura nell’arretramento di alcuni processi. Viceversa, per altri fenomeni, come la transizione al digitale, chiusure e confinamenti hanno rappresentato una spinta potente che ha fatto accelerare imprese, individui, organizzazioni”.

Blangiardo sottolinea, inoltre, che “Ancor prima che sull’Europa si abbattessero le conseguenze della guerra in Ucraina, molte fragilità si erano estese e aggravate, molti divari allargati. Su bambini, giovani, donne e persone in condizioni di povertà e marginalità gravano tuttora pesanti carichi e ostacoli difficili da superare, e non pochi obiettivi di sviluppo sostenibile che li riguardano appaiono più lontani. Altri segnali inducono invece all’ottimismo, e incoraggiano a mantenere costanti gli impegni per la tutela dell’ambiente e della salute”.

Si tratta di un quadro articolato e complesso. Il Rapporto propone, dunque, un ritratto del Paese composto dalla statistica, attraverso una scelta di misure direttamente e indirettamente legate agli indicatori, che traducono in pratica gli impegni dell’Agenda 2030. Quest’anno le misure sono 371. Inoltre, per favorire la comprensione delle evoluzioni nel medio e lungo periodo, l’Istat ha seguito, dove possibile, i fenomeni chiave, confrontandone la performance attuale sia con quella di dieci anni fa sia con quella dell’anno scorso, e ha rappresentato le divergenze tra territori misura per misura.

Sviluppo sostenibile, il percorso verso il raggiungimento degli obiettivi

In sintesi, secondo quanto emerso dall’analisi Istat, gli andamenti relativi all’ultimo anno mostrano un quadro complessivamente positivo: rispetto all’anno precedente, il 50% delle misure sono in miglioramento, il 23% stazionarie e il 27% segnalano un peggioramento.

 

Obiettivi di sviluppo sostenibile (Fonte Istat)
Obiettivi di sviluppo sostenibile, evoluzione temporale dei Goal (Fonte Istat)

 

In particolare, la percentuale di misure con variazione positiva è significativamente elevata per il Goal 17 (Partnership per gli obiettivi), trainata dagli indicatori che riguardano l’uso dell’ICT, in forte incremento durante la fase pandemica acuta, e per il Goal 12 (Consumo e produzione responsabili), grazie soprattutto agli avanzamenti nella gestione dei rifiuti, mentre nei Goal 6 (Acqua) e 9 (Infrastrutture) si registrano i livelli più elevati di indicatori in peggioramento.

Per quanto riguarda le differenze regionali, la mappa presentata dall’Istat mostra una differenza dello sviluppo sostenibile ancora più consolidata rispetto allo scorso anno a favore delle regioni del Nord-est rispetto al Sud e alle Isole, con particolare riguardo alle Province Autonome di Bolzano e Trento.

Migliora anche la posizione della Valle d’Aosta e della Lombardia. Nelle regioni meridionali, invece, i valori degli indicatori sono tra i più bassi, con particolare riguardo a Sicilia e Calabria.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)