"Come si permettono le agenzie di rating americane, Moody’s, Standard’s & Poors e Fitch di dichiarare che il Pil italiano diminuirà e che loro stanno studiando la situazione?". A porsi la domanda il segretario generale di Adiconsum, Pietro Giordano che aggiunge: "Sono anni che non ne azzeccano una. Come non ricordare l’ultima gaffe sul declassamento del debito francese? Tutto inventato".

"La situazione italiana è drammaticamente sotto gli occhi di tutti" spiega Giordano ma "lo stato di salute dell’Italia, come di qualsiasi altro Paese, dipende da molti fattori non solo economici e tanto meno solo finanziari ma le agenzie americane, che operano in sostanziale regime di monopolio, con il loro operato rendono instabile il mercato, alimentano la speculazione e rendono più o meno oneroso il finanziamento dei debitori, il prezzo titoli, la valorizzazione di mercato degli investimenti".

Secondo Giordano "in questo contesto, la Banca Centrale Europea deve accelerare la ricerca di metodologie di valutazione che possano sostituire le agenzie di rating. Intanto, le agenzie devono rispettare le regole che l’Europa indica e che invece secondo la Consob non rispettano".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)