Sono "ultimi nelle retribuzioni in Europa in rapporto al fatturato delle aziende, obbligati a consegnare farmaci in violazione delle norme sulla ricetta medica, senza alcuna possibilità di carriera o d’intraprendere la libera professione". Ecco il ritratto dei farmacisti italiani restituito dal Movimento nazionale liberi farmacisti (MNLF) che denuncia: "il farmacista italiano è vittima di un monopolio feudale".

L’associazione sottolinea che "la regolamentazione di stampo monopolista" impedisce i mutamenti quali la liberalizzazione della fascia C, rivendicata dalle parafarmacie e dai Consumatori che hanno più volte sottolineato che per rilanciare il paese è necessario "liberare risorse intellettuali", "rimuovere gli ostacoli alla concorrenza", abbandonare il protezionismo e rilanciare le riforme con la liberalizzazione dei farmaci con obbligo di ricetta a carico dei cittadini.

Commenta il MNLF: "Ora, pur di offrire una parvenza di cambiamento, qualcuno pensa di dare seguito a quanto previsto nella Gasparri/Tomassini ed eliminare il farmacista per la vendita dei farmaci d’automedicazione. Questo non è liberalizzare, non è quanto chiesto dalla BCE, è semplicemente un rafforzamento del monopolio esistente con la conseguente perdita di migliaia di posti di lavoro e la chiusura della maggior parte delle parafarmacie".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)