In seguito al referendum in Svizzera, con il quale gli elvetici hanno sancito a larga maggioranza (55% dell’elettorato) il divieto per cinque anni dell’utilizzazione degli organismi geneticamente modificati (Ogm) in agricoltura, il Ministro alle Politiche Agricole Alemanno ha commentato: "Il risultato del referendum sulla moratoria degli ogm in Svizzera deve far attentamente riflettere: una voce profonda che viene dal cuore dell’Europa". "Nessuno può pensare al popolo elvetico come ad un popolo culturalmente arretrato, nemico della ricerca scientifica, suggestionato da spinte demagogiche e da estremismi ecologisti. Eppure – precisa Alemanno – il risultato è chiaro: la maggioranza dei cittadini elvetici non vuole nessuna forma di coltivazione o di importazione di ogm sul proprio territorio".

La misura decisa dalla popolazione svizzera è una delle più rigide in questo campo in Europa. La decisione, supportata dagli agricoltori, dagli ecologisti e dai gruppo di consumatori, costringerà il governo a imporre il bando sulla coltivazione del grano e sull’importazione di animali i cui geni sono stati geneticamente modificati. La moratoria non verrà comunque applicata alla ricerca sugli Ogm nè bloccherà l’importazione di cibi geneticamente modificati. L’esito della consultazione popolare è però un evidente segno che i consumatori svizzeri e i contadini sono a favore dei prodotti Ogm-free.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)