Mai più bambini in carcere, Cittadinanzattiva: sia approvata la proposta di legge Serracchiani

Mai più bambini in carcere, Cittadinanzattiva: sia approvata la proposta di legge Serracchiani (foto Pixabay)

Mai più bambini in carcere, Cittadinanzattiva: sia approvata la proposta di legge Serracchiani

Cittadinanzattiva chiede di approvare con urgenza la proposta di legge per la tutela del rapporto tra madri detenute e figli minori: “Un impegno comune di istituzioni e organizzazioni civiche per liberare i bambini dalla detenzione e restituire dignità alle loro vite”

Cittadinanzattiva chiede di approvare con urgenza la proposta di legge per far uscire dal carcere i figli delle madri detenute, ripresentata dall’Onorevole Debora Serracchiani come prima firmataria, dopo l’approvazione alla Camera dei Deputati del disegno di legge dell’onorevole Siani e il successivo stop dovuto alla caduta della legislatura.

“La scorsa settimana – spiega l’associazione in una nota – la proposta ha ottenuto in aula la deliberazione di urgenza e, di conseguenza, la possibilità di essere esaminata entro quindici giorni”.

Per Laura Liberto, coordinatrice nazionale di Giustizia per i diritti-Cittadinanzattiva, si tratta di “Un’occasione imperdibile per liberare finalmente i bambini dalle carceri e restituire loro il diritto ad una vita dignitosa, per quanto possibile”. Liberto si trova oggi in audizione presso la II Commissione Giustizia della Camera in merito alla proposta di legge C. 103 Serracchiani, recante “Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale, alla legge 26 luglio 1975, n. 354, e alla legge 21 aprile 2011, n. 62, in materia di tutela del rapporto tra detenute madri e figli minori”.

Bambini in carcere, Cittadinanzattiva: una contraddizione intollerabile

Secondo le statistiche pubblicate dal Ministero della Giustizia, aggiornate al 31 dicembre scorso, sono 16 le madri e 17 i bambini che risultano ristretti negli istituti penitenziari, tra sezioni nido delle case circondariali e gli ICAM.

“Si tratta di numeri estremamente variabili e che sembrano comunque riferiti a poche decine di presenze – spiega l’associazione. – Tuttavia le ridotte dimensioni del fenomeno non possono ridimensionare la gravità del problema dell’incarcerazione dell’infanzia, che rimane una contraddizione intollerabile del nostro sistema, e anzi rendono ancor più paradossale il fatto che finora non si siano trovate soluzioni definitive per superarlo”.

“È di qualche giorno fa anche la notizia di una donna detenuta nel carcere di San Vittore, incinta ma senza la possibilità di essere visitata da un ginecologo perché nessuna figura di questo tipo è presente nell’istituto di pena. Un ulteriore tassello di un quadro che priva le donne e i loro bambini di un’adeguata assistenza sanitaria dentro le mura del carcere. Un paradosso che non possiamo più accettare. Ci auguriamo che la nuova proposta di legge venga approvata con la rapidità e l’unanimità che è dovuta ai diritti dell’infanzia in un Paese civile”, conclude Liberto.

Da diversi anni Cittadinanzattiva è impegnata in molteplici iniziative volte a richiamare l’attenzione delle Istituzioni su questa emergenza e sulla necessità di predisporre soluzioni di sistema e durevoli, idonee a rimuovere gli ostacoli di natura giuridica ed economica che impediscono la collocazione dei bambini in case famiglia: tra queste, era stata ottenuta – con un emendamento approvato con la Legge di Bilancio 2021 – l’istituzione di un Fondo per le Regioni, di 1,5 milioni di euro per ciascun anno del triennio 2021-2023, per finanziare la predisposizione di case famiglia protette finalizzate all’accoglienza di genitori detenuti con i propri figli, al di fuori delle strutture carcerarie. Ciò nella convinzione che la tutela della salute psicofisica dei più piccoli debba prevalere su ogni altra ragione o interesse pubblico e debba costituire il principale, se non l’unico, criterio guida per la costruzione di misure dedicate.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)