Controlli Coronavirus

Il Decreto #iorestoacasa ha previsto di limitare gli spostamenti a quelli strettamente necessari, in modo da limitare il più possibile la diffusione del contagio del Coronavirus. Da oggi, in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine, è necessario esibire un nuovo modello di autodichiarazioni in caso di spostamenti che contiene una nuova voce con la quale l’interessato deve autodichiarare di non trovarsi nelle condizioni previste dall’art. 1, comma 1, lett. c) del D.P.C.M. 8 marzo 2020 che reca un divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus “COVID-19”.

Il nuovo modello prevede anche che l’operatore di polizia controfirmi l’autodichiarazione, attestando che essa viene resa in sua presenza e previa identificazione del dichiarante. In tal modo il cittadino viene esonerato dall’onere di allegare all’autodichiarazione una fotocopia del proprio documento di identità.

Assoutenti al Ministro

Assoutenti ha scritto oggi al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e per conoscenza al Ministro della Salute Roberto Speranza in merito al nuovo modulo di autocertificazione da esibire alle autorità di Polizia in caso di controllo.

In spirito di massima collaborazione, con l’obiettivo di semplificare la stessa procedura di verifica e al contempo tutelare i cittadini, Assoutenti chiede una parziale riformulazione del modulo laddove la persona sottoposta a controllo dovrebbe dichiarare di “non essere risultato positivo al virus COVID-19″.

Si tratta infatti di una dicitura imprecisa (il virus si chiama “SARS-CoV-2” e causa la malattia “coronavirus disease 2019” abbreviata in “COVID-19”) e non coerente con le modalità di rilevazione del contagio in atto (attraverso tampone) e con le misure sanitarie adottate.

“Da cittadini osserviamo che dichiarare di non essere positivi al virus SARS-CoV-2 è di fatto impossibile” spiega Furio Truzzi Presidente di Assoutenti. “E’ chiaro infatti che in caso di eventuali tamponi effettuati con risultati negativi, non si può a priori escludere il rischio di essere stati contagiati successivamente a tale controllo”. La stessa cosa può dirsi per i casi cosiddetti asintomatici.

Si può inoltre osservare che la misura della quarantena comprende sicuramente i casi di positività accertata di cui il soggetto dichiarante è a conoscenza, rendendo superflua ogni aggiuntiva dichiarazione.

Assoutenti rinnova il proprio plauso a tutto il personale sanitario e alle forze dell’ordine in prima linea per l’emergenza che il paese sta attraversando.

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)