Progettare un ecosistema nazionale più resiliente agli attacchi cyber; migliorare la continuità di servizio delle infrastrutture critiche, della pubblica amministrazione e delle filiere produttive strategiche; sviluppare piani di formazione per aumentare la ‘workforce nazionale’ in cybersecurity; migliorare la consapevolezza di imprese e cittadini rispetto alle minacce cyber; infittire la collaborazione con organizzazioni omologhe europee e internazionali. Con questi scopi è nato il Comitato nazionale per la ricerca in Cybersecurity, grazie all’accordo trovato tra il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e il Consorzio interuniversitario nazionale per l’informatica (Cini).

Le economie dei Paesi poggiano sempre più sul cyberspace e i programmi di trasformazione digitale come Industria 4.0, irrinunciabili, non faranno che aumentare questo legame. Il cyberspace è la realtà più complessa e articolata che l’uomo abbia mai concepito: l’unione di reti, dati e stratificazioni di software che interconnettono uomini, cose e macchine a livello globale. Tuttavia questa complessità, non avendo come fulcro della sua progettazione la sicurezza, è generatrice di vulnerabilità nelle reti, nei programmi e nelle loro interazioni. I cyber-criminali usano queste vulnerabilità per spiare, rubare i nostri dati o controllare i nostri sistemi informatici, producendo notevoli danni socio-economici.

Il lavoro di coordinamento svolto dal Comitato permetterà di rafforzare l’eccellenza scientifica italiana in questo settore grazie alla promozione di attività nazionali e internazionali e al continuo flusso informativo che sarà realizzato tra le università, istituti di ricerca e la società nelle sue varie articolazioni.

Per Massimo Inguscio, presidente del Cini, “Lo sviluppo delle tecnologie per la cybersecurity non è solo un’esigenza per la sicurezza del Paese, ma anche una grande opportunità di sviluppo. È, infatti, un settore in continua quanto veloce evoluzione. Il mercato mondiale della sicurezza informatica è destinato a crescere da 75 miliardi di dollari, valore generato nel 2015, a 170 nel 2020. Si prevede che la domanda mondiale di posti di lavoro in questo campo sarà di 6 milioni entro il 2019, con un deficit previsto di 1,5 milioni di posti. C’è ormai consapevolezza diffusa che ricerca e soggetti pubblici e privati debbano coordinarsi per fornire una risposta comune e articolata a una minaccia che mette a repentaglio la sicurezza nazionale e, altresì, consentire al Paese di sfruttare le opportunità di sviluppo connesse alla cybersecurity”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)