Inflazione, stime Istat: a marzo risale a più 1,3% (Foto Pixabay)

L’inflazione a marzo risale al più 1,3%. Le stime preliminari diffuse oggi dall’Istat dicono infatti che a marzo l’indice dei prezzi al consumo aumenta dello 0,1% su base mensile e dell’1,3% su base annua (da +0,8% del mese precedente). I prezzi dei beni alimentari risultano ancora superiori all’indice generale: più 3,2%.

Rallenta un po’ il carrello della spesa. I prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona rallentano infatti nel confronto annuale e passano da +3,4% a +3%; analogo l’andamento per i prodotti ad alta frequenza d’acquisto (da +2,8% di febbraio a +2,7%).

“A marzo, secondo le stime preliminari, l’inflazione risale moderatamente, portandosi all’1,3% – commenta l’Istat – La lieve accelerazione risente dell’attenuarsi della flessione su base tendenziale dei prezzi dei beni energetici (-10,8% da -17,3% di febbraio), sia per la componente regolamentata che non regolamentata. Un sostegno alla dinamica dell’inflazione si deve inoltre all’accelerazione dei prezzi dei servizi relativi al trasporto (+4,4% da +3,8%). Di contro, i prezzi dei prodotti alimentari non lavorati evidenziano anche a marzo un rallentamento (+2,6% da +4,4%). Frena anche la dinamica su base annua dei prezzi del “carrello della spesa” (+3,0%), mentre l’inflazione di fondo si attesta al +2,4% (in modesta ripresa da +2,3%)”.

 

Istat inflazione stime marzo 2024

 

UNC: “stangata di Pasqua”

Per l’Unione Nazionale Consumatori sono i prezzi di una “stangata di Pasqua”. Sono infatti in aumento le voci dei trasporti e dei pacchetti vacanza.

Spiega il presidente dell’associazione Massimiliano Dona: «Come sempre in occasione delle festività c’è chi specula allegramente sulle vacanze della gente. I prezzi del Trasporto aereo passeggeri salgono in un solo mese del 17,6% ed in particolare i voli internazionali decollano del 20%, collocandosi al 1° posto dei rincari mensili, seguiti al secondo posto dai voli nazionali con +8%. I pacchetti vacanza internazionali aumentano sempre su febbraio del 3,6%, alberghi e motel e pensioni dell’1,7%. Anche i dati tendenziali – prosegue Dona – fanno rabbrividire: i voli nazionali segnano un +19,2% sullo scorso anno (al 2° posto della top ten mensile dopo l’olio di oliva con +45,9%), i pacchetti vacanza nazionali costano l’8,2% in più, il Trasporto passeggeri su rotaia l’8%, i voli internazionali il 7,3%, alberghi e motel il 6,7%. Insomma, peggio di così non si può!».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)