Saldi invernali 2023, Confcommercio: il 65% dei consumatori ha deciso di fare acquisti

Saldi invernali 2023, Confcommercio: il 65% dei consumatori ha deciso di fare acquisti

Partono oggi, in tutte le Regioni, i saldi invernali 2023. Sono ottimisti i dati di Confcommercio e Format Research, che annunciano un lieve aumento della platea di coloro che hanno deciso di fare acquisti in saldo, con una percentuale che sale al 65%, in crescita del 2,7% rispetto all’anno scorso.

Si tratta – spiega Confcommercio – di un rito che per oltre l’80% degli italiani rappresenta un’occasione per fare “affari” e per acquistare articoli che altrimenti non potrebbero permettersi; tra chi, invece, non farà acquisti, il 66% intende rinunciare ai saldi per risparmiare, mentre 1 su 3 per evitare il peggioramento della propria situazione economica.

 

Fonte: indagine Confcommercio-Format “Saldi invernali 2023”
Fonte: indagine Confcommercio-Format “Saldi invernali 2023”

 

Saldi invernali 2023, emerge il ruolo dei social network

Gli articoli di abbigliamento si confermano al top delle preferenze d’acquisto (93,8%), seguiti da calzature (83,6%) e accessori (40,6%); a registrare il maggior incremento rispetto all’anno scorso sono gli articoli sportivi (+2%). Per quanto riguarda, invece, le intenzioni di spesa, oltre l’80% dei consumatori destinerà un budget inferiore ai 200 euro, cifra in linea con l’anno scorso, ma aumenta del 5,2% la quota di chi è intenzionato a spendere più di quanto fatto con i saldi passati.

Tra i canali di acquisto, i negozi di fiducia si confermano al primo posto per la metà degli italiani (50,4%), mentre l’online viene scelto dal 40,3%.

Anche i social rivestono un ruolo importante. Più del 40% utilizzerà i social network per individuare gli articoli da acquistare; in particolare Instagram (84%) è il canale più utilizzato. Inoltre il 66% delle imprese ha realizzato campagne di vendita su questi canali nel corso del 2022: Facebook è il network più utilizzato (90%), seguito da Instagram con 86,2%.

Per quanto riguarda, infine, i criteri utilizzati dai consumatori per la scelta dei prodotti da acquistare, tra qualità e prezzo il 57,8% dei “rispondenti” indica la qualità dei prodotti quale aspetto più rilevante negli acquisti a saldo. Nonostante questo, però, è cresciuta negli ultimi dieci anni la quota di coloro che attribuiscono maggiore importanza al prezzo. Inoltre il 78,2% dei rispondenti dichiara di sentirsi tutelato quando acquista a saldo.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Parliamone ;-)