Il decreto Balduzzi di riforma della sanità è stato approvato qualche giorno fa introducendo definitivamente l’obbligo, per i produttori di bibite, di innalzare la percentuale di frutta al 20% (ora è al 12%) nelle bevande a base di succhi. Tuttavia le polemiche che hanno accompagnato tutto l’iter di approvazione della legge non si placano con Assobibe e Mineracqua chesperano che l’Europa blocchi tutto. Secondo le due organizzazioni si rischia che le bibite ‘modificate’ non trovino il consenso dei consumatori abituati ad un gusto diverso: “Questi prodotti, tra cui rientrano per esempio acque toniche e aperitivi analcolici aromatizzati agli agrumi, nascono per rispondere a preferenze di gusto ed esigenze di mercato diverse rispetto alle bevande a base di succo. Tipicamente contengono solo aromi o piccole percentuali di succo di agrumi. Una legge che impone di trasformarli in bevande con caratteristiche analoghe a quelle di un’aranciata è, secondo le associazioni, insensata. Per questo lanciamo un appello al Governo e Parlamento affinché vengano rivalutate le decisioni su questo argomento”.Se Assobibe e Mineracqua pensano al gusto dei consumatori (e alle loro vendite), Coldiretti ha a cuore al salute dei consumatori e di conseguenza ha salutato con favore la decisione: la norma “concorre a migliorare concretamente la qualità dell’alimentazione e a ridurre così le spese sanitarie dovute alle malattie, dall’influenza all’obesità. Non va peraltro dimenticato – afferma Sergio Marini, presidente Coldiretti  – l’impatto economico sulle imprese agricole poiché l’aumento della percentuale di frutta nelle bibite potrebbe salvare oltre diecimila ettari di agrumeti italiani con una estensione equivalente a  circa ventimila campi da calcio, situati soprattutto in regioni come la Sicilia e la Calabria. Consumare più frutta significa ridurre le malattie collegate direttamente all’obesità che sono responsabili – continua la Coldiretti, sulla base dei dati della Commissione europea – del 7 per cento dei costi sanitari dell’Unione europea, questo perché l’aumento di peso è un importante fattore di rischio per molte malattie come i problemi cardiocircolatori, il diabete, l’ipertensione, l’infarto e certi tipi di cancro.  In Italia  ci sono – conclude la Coldiretti – un milione di persone non mangiano mai frutta, soprattutto tra i più giovani.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

1 thought on “Bibite con più frutta, Produttori: potrebbero non piacere

Parliamone ;-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: