Decreto Balduzzi, passa al Senato. E’ legge

Passa al Senato con 181 voti a favore, 43 contrari e 23 astenuti il decreto sanità del ministro Renato Balduzzi su cui il governo aveva posto la fiducia. Il testo approvato è quello che aveva avuto il via libera della Camera dei deputati lo scorso 18 ottobre. Non sono state infatti apportate ulteriori modifiche al provvedimento a Palazzo Madama dove non è nemmeno stato completato l’iter in commissione, tanto che il decreto è arrivato in aula senza il relatore. Alcune delle novità:ASSISTENZA TERRITORIALE H24 – Il decreto rivede l’assistenza territoriale nell’ottica di creare servizi h24 (saranno le Regioni a occuparsi della riorganizzazione). Nasceranno le unità complesse di cure primarie: le Regioni dovranno favorire la costituzione di reti di “poliambulatori territoriali dotati di strumentazione di base, aperti al pubblico per tutto l’arco della giornata, nonche’ nei giorni prefestivi e festivi con idonea turnazione, che operano in coordinamento e in collegamento telematico con le strutture ospedaliere”.

ALCOL E TABACCHI OFF LIMITS PER UNDER 18 – Chiunque vende bevande alcoliche ha l’obbligo di chiedere all’acquirente l’esibizione di un documento di identità, tranne nei casi in cui la maggiore età dell’acquirente sia manifesta. E’ prevista una sanzione da 250 a 1.000 euro a chiunque venderà alcol a minori e da 500 a 2.000 in caso di recidiva con la sospensione per 3 mesi dell’attività. Anche i distributori automatici dovranno adeguarsi alla novità. Off limits per i minori anche i prodotti da fumo (ora il limite era a 16 anni) con sanzioni per gli esercenti da 250 a 1.000 euro, che vanno da 500 a 2.000 euro con la sospensione della licenza per tre mesi in caso di recidiva.

 GIOCHI ON LINE VIETATI IN PUBBLICI ESERCIZI – “E’ vietata la messa a disposizione presso qualsiasi pubblico esercizio di apparecchiature che, attraverso la connessione telematica, consentano ai clienti di giocare sulle piattaforme di gioco messe a disposizione dai concessionari on-line, da soggetti autorizzati all’esercizio dei giochi a distanza, ovvero da soggetti privi di qualsiasi titolo concessorio o autorizzatorio rilasciato dalle competenti autorità”.

LUDOPATIE E SLOT DA RICOLLOCARE – Scattano maggiori tutele nei confronti dei minori per evitare che siano ‘vittime’ di chi pubblicizza i giochi con vincita: niente spot al cinema durante i film per piccoli, niente pubblicità sulla stampa dedicata o durante (ma anche mezz’ora prima e dopo) le trasmissioni tv per under 18.

Raddopiano i controlli annui (ora saranno diecimila) destinati al contrasto del gioco minorile, nei confronti degli esercizi dove si trovano slot machine. Sara’ poi necessario un piano di ricollocazione delle slot machines lontano da zone sensibili come scuole o luoghi di culto. Le pubblicità dei giochi dovranno indicare le probabilità di vincita.

ARANCIATE MAI PIU’ SENZA ARANCE – Le aranciate (o limonate), anche quelle con nomi di fantasia, per conservare questa denominazione in etichetta dovranno contenere il 20% di frutta (oggi è il 12%). Una disposizione che si applica “a decorrere dal nono mese successivo alla data di entrata in vigore della legge di conversione” del decreto, previo perfezionamento, con esito positivo, della procedura di notifica di cui alla direttiva 98/34/CE. Le bevande prive del contenuto minimo obbligatorio, prodotte prima della data di inizio dell’efficacia delle disposizioni di legge, “possono essere commercializzate entro gli otto mesi successivi a tale data”.

Comments are closed.