Consumo di sale, se ne usa ancora troppo (Foto di Bruno /Germany da Pixabay)

C’è ancora troppo sale nei cibi e si consuma ancora troppo sale sulle tavole di tutto il mondo. Mentre l’attuazione di politiche di riduzione del sale contenuto negli alimenti potrebbe salvare circa 7 milioni di vite a livello globale entro il 2030. Ad accendere i riflettori sul consumo di sale è l’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) nel recente rapporto Global report on sodium intake reduction.

Il dossier mostra che il mondo è fuori strada per raggiungere il suo obiettivo globale di ridurre l’assunzione di sodio del 30% entro il 2025. Per questo l’OMS invita gli Stati ad attuare senza indugio politiche di riduzione dell’assunzione di sodio e a mitigare gli effetti del consumo eccessivo di sale, mentre invita i produttori di alimenti a fissare ambiziosi obiettivi di riduzione del sodio nei loro prodotti.

Consumo di sale, solo 9 paesi con tutte le politiche raccomandate

La principale fonte di sodio, spiega l’OMS, è il sale da tavola (cloruro di sodio), ma il sodio è contenuto anche in altri condimenti come il glutammato di sodio.

Solo il 5% degli Stati membri dell’OMS è protetto da politiche di riduzione del sodio obbligatorie e complete mentre il 73% degli Stati non dispone di una gamma completa di attuazione di tali politiche. A oggi, spiega l’OMS, solo nove paesi (Brasile, Cile, Repubblica Ceca, Lituania, Malesia, Messico, Arabia Saudita, Spagna e Uruguay) hanno un pacchetto completo di politiche raccomandate per ridurre l’assunzione di sodio.

«Le diete malsane sono una delle principali cause di morte e malattia a livello globale e l’eccessiva assunzione di sodio è uno dei principali colpevoli – ha affermato il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS – Questo rapporto mostra che la maggior parte dei paesi deve ancora adottare politiche obbligatorie di riduzione del sodio, esponendo la propria popolazione al rischio di infarto, ictus e altri problemi di salute. L’Oms chiede a tutti i paesi di implementare i “Best Buys” per la riduzione del sodio e ai produttori di implementare i parametri di riferimento dell’Oms per il contenuto di sodio negli alimenti».

Riduzione del consumo di sale, le azioni raccomandate

Per ridurre il consumo di sodio l’OMS fa riferimento a politiche obbligatorie e a quattro azioni, chiamate best buy. Queste comprendono la riformulazione degli alimenti affinché contengano meno sale e la fissazione di obiettivi per la quantità di sodio negli alimenti e nei pasti; stabilire politiche di approvvigionamento alimentare pubblico per limitare gli alimenti ricchi di sale o sodio nelle istituzioni pubbliche come ospedali, scuole, luoghi di lavoro e case di cura; l’etichettatura front-of-pack nelle confezioni che aiuti i consumatori a scegliere prodotti a basso contenuto di sodio; campagne di comunicazioni per ridurre il consumo di sale.

Il sale, quantità e rischi

Si stima che l’assunzione media globale di sale sia di 10,8 grammi al giorno, più del doppio della raccomandazione dell’OMS di meno di 5 grammi di sale al giorno (pari a un cucchiaino).

Il sale è un nutriente fondamentale ma consumato in eccesso aumenta il rischio di malattie cardiache, ictus e morte prematura. Il consumo di sale in eccesso lo fa dunque diventare il principale fattore di rischio per i decessi collegati all’alimentazione. Stanno inoltre emergendo prove, dice l’OMS, di collegamenti fra un’elevata assunzione di sodio e un aumento del rischio di cancro gastrico, l’obesità, l’osteoporosi e le malattie renali.

Cosa fare per ridurre il consumo di sale?

Cosa si può fare per intervenire a livello individuale, nella preparazione dei pasti e nell’organizzazione della cucina? Ecco quanto suggerito dal Ministero della Salute:

  • Leggiamo attentamente l’etichetta nutrizionale per scegliere, in ciascuna categoria, i prodotti a minore contenuto di sale e cercare i prodotti a basso contenuto di sale, cioè inferiore a 0.3 grammi per 100 g (corrispondenti a 0.12 g di sodio);
  • Riduciamo l’uso di sale aggiunto in cucina, preferendo comunque, ove necessario, minime quantità di sale iodato;
  • Limitiamo l’uso di altri condimenti contenenti sodio (dadi da brodo, maionese, salse) e utilizziamo in alternativa spezie, erbe aromatiche, succo di limone o aceto per insaporire ed esaltare il sapore dei cibi;
  • Non portiamo in tavola sale o salse salate, in modo che non si acquisisca l’abitudine di aggiungere sale sui cibi, soprattutto tra i più giovani della famiglia;
  • Riduciamo il consumo di alimenti trasformati ricchi di sale (snack salati, patatine in sacchetto, alcuni salumi e formaggi, cibi in scatola);
  • Scoliamo e risciacquiamo verdure e legumi in scatola, prima di consumarli;
  • Evitiamo l’aggiunta di sale nelle pappe dei bambini, almeno per il primo anno di vita.

A livello più generale serve un’azione dell’industria alimentare per ridurre la presenza di sale nei cibi trasformati.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)