salute mentale dei minori

Da oggi, 27 aprile, sarà operativo il numero verde di supporto psicologico 800.833.833, attivato dal Ministero della Salute e dalla Protezione Civile, raggiungibile anche dall’estero allo 02.20228733. Il servizio, sicuro e gratuito, prevederà modalità di accesso anche per i non udenti.

Vengono potenziati, così, i servizi di supporto psicologico a distanza già in atto, per rispondere ad una delle maggiori problematiche emerse in queste settimane di lockdown. Il distanziamento sociale obbligato, il timore del contagio, la solitudine, i lutti occorsi in questo periodo, stanno mettendo a dura prova il benessere mentale dei cittadini, causando l’insorgenza di problemi di natura psicologica come paura, ansia, panico. Un disagio che necessita dell’intervento di esperti che possano dare supporto e conforto alle persone in difficoltà.

“È una risposta strutturata ed importante messa in atto accanto a tutti gli sforzi della sanità italiana per fronteggiare al meglio la sfida del Coronavirus – spiega il ministro della Salute, Roberto Speranza –. In questo momento è fondamentale essere vicini alle persone che hanno bisogno di un sostegno emotivo, dare ascolto alle loro fragilità, affrontare insieme le paure”.

Supporto psicologico, come funziona il servizio

Tutti i giorni, dalle ore 8 alle 24, oltre 2.000 professionisti specializzati, psicologi, psicoterapeuti e psicoanalisti, risponderanno al telefono, oppure online, alle richieste di aiuto. L’iniziativa punta ad affiancare, in questa fase di isolamento sociale, tutti i servizi di assistenza psicologica garantiti dal SSN, ed è organizzato su due livelli di intervento.

“Il volontariato di protezione civile è uno dei pilastri su cui da sempre si fonda il nostro Servizio Nazionale – spiega Angelo Borrelli, Capo Dipartimento Protezione Civile – A partire da oggi, oltre alle tante attività che hanno visto al lavoro i nostri volontari nella lotta al Covid-19, saremo impegnati con le associazioni specializzate in psicologia dell’emergenza nel supporto al servizio d’ascolto psicologico”.

 

Supporto psicologico, numero verde (Fonte: Ministero della Salute)
Supporto psicologico, numero verde (Fonte: Ministero della Salute)

Primo livello: primo ascolto telefonico

Il primo livello è di ascolto telefonico e si propone di rispondere al disagio derivante dal Covid-19. L’obiettivo è fornire rassicurazioni e suggerimenti, aiutare ad attenuare l’ansia davanti ad una quotidianità travolta dall’arrivo dell’epidemia e si risolve in un unico colloquio.

A questa prima fase prenderanno parte più di 500 psicologi dell’emergenza afferenti alle Associazioni del Volontariato della Protezione Civile: Federazione Psicologi per i Popoli, la Società Italiana di Psicologia dell’Emergenza, il Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, il Centro Alfredo Rampi.

Secondo livello: supporto specifico

Per rispondere all’esigenza di fornire un ascolto più approfondito e prolungato nel tempo, le chiamate saranno indirizzate verso il secondo livello, di cui fanno parte, oltre ai servizi sanitari e sociosanitari del SSN, molte società scientifiche in ambito psicologico. In questa seconda fase, i professionisti offriranno colloqui di sostegno, ripetuti fino a 4 volte, via telefono oppure online.

Le richieste di aiuto saranno inoltrate dal primo livello anche in base alle loro specificità: ad esempio, psicologia dell’infanzia e dell’adolescenza, dipendenze, psico-oncologia.

“L’obiettivo è quello di fornire consultazioni esperte attraverso un ascolto empatico del dolore e dell’angoscia connessa all’emergenza, favorendo così l’attivazione di un processo di elaborazione dell’evento traumatico – si legge nella nota – Tutto ciò consente a chi chiede aiuto l’acquisizione di competenze emotive e cognitive utili per affrontare anche il post-emergenza”.

Al secondo livello partecipano oltre 1500 psicoterapeuti volontari di società scientifiche iscritte nell’elenco del Ministero (D.M. 2 agosto 2017) e facenti parte della Consulta CNOP: l’Associazione Italiana di Psicologia (AIP), l’Associazione Italiana Psicologia Psicoanalitica (AIPA), la Federazione Italiana delle Associazioni di Psicoterapia (FIAP), Soci Italiani European Federation for Psychoanalytic Psychotherapy (SIEFPP), Società Italiana di Psico-oncologia (SIPO), la Società Italiana di Psicologia Pediatrica (S.I.P.Ped), la Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva (SITCC), la Società Italiana Tossicodipendenze (SITD) e la Società Psicoanalitica Italiana (SPI).


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)