Il grande caldo sembra ormai essere arrivato e scatta anche l’allerta salute. Sul sito del Ministero www.salute.gov.it /caldo parte infatti la campagna informativa on line “Estate sicura 2018” che mette a disposizione i bollettini con le previsioni delle ondate di calore con i consigli alla popolazione su come affrontare il caldo eccessivo, la mappa dei servizi attivi a livello territoriale e le linee guida per gli operatori dei servizi sanitari e sociali.

La novità di quest’anno è che il tutto sarà consultabile anche tramite l’App “Caldo e salute”, scaricabile gratuitamente su dispositivi mobili iOS e Android, da Apple store e Play store ci si potrà tempestivamente informare sui livelli di rischio delle ondate di calore in ogni città attraverso una mappa e una sintesi grafica dei bollettini di facile consultazione.

I bollettini giornalieri – nei quali è sintetizzato il livello di rischio per la salute in base alle condizioni meteorologiche previste a 24, 48 e 72 ore – si riferiscono a 34 città con oltre 200 mila abitanti sul territorio nazionale e sono inviati anche ai centri locali, per l’attivazione in caso di necessità di piani di intervento a favore della popolazione vulnerabile.

La Campagna #estatesicura è parte del Piano nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute. L’Italia è stata tra i primi Paesi a dotarsi di un programma di interventi in risposta alle ondate di calore, destinate a diventare sempre più frequenti e intense a causa dei cambiamenti climatici già in atto.

Studi epidemiologici hanno, infatti, evidenziato un impatto significativo delle ondate di calore sulla salute della popolazione, in particolare sui sottogruppi più vulnerabili come anziani e soggetti con patologie croniche. Inoltre, temperature estreme possono provocare effetti sulla salute anche in lavoratori esposti, bambini e donne in gravidanza.

Scrive per noi

Elena Leoparco
Elena Leoparco
Non sono una nativa digitale ma ho imparato in fretta. Social e tendenze online non smettono mai di stuzzicare la mia curiosità, con un occhio sempre vigile su rischi e pericoli che possono nascondersi nella rete. Una laurea in comunicazione e una in cooperazione internazionale sono la base della mia formazione. Help Consumatori è "casa mia" fin dal praticantato da giornalista, iniziato nel lontano 2012.

Parliamone ;-)