tracciato cardiaco

L’evoluzione dei sistemi di telemonitoraggio nelle terapie intensive (foto pixabay)

Una diagnosi efficace, eseguita su pazienti con problemi di salute più o meno gravi, parte sempre dall’analisi di specifici parametri, definiti vitali, che rivelano all’equipe medica in tempo reale le condizioni di salute del paziente.

Attraverso specifici sistemi di monitoraggio, denominati monitor parametrici, il personale sanitario può comprendere la gravità e la criticità delle reazioni avverse che stanno colpendo una persona e agire tempestivamente. L’analisi dell’attività cardiaca, respiratoria, della temperatura corporea, della saturazione dell’ossigeno e della pressione arteriosa, consente al personale medico di identificare la modalità più adatta per intervenire in modo tempestivo e mirato.

Questi strumenti sono, inoltre, dotati di allarmi che si attivano quando i parametri fisiologici del paziente superano i range impostati dai medici, secondo protocolli specifici. Sono strumenti, quindi, imprescindibili per la buona riuscita del lavoro sanitario, soprattutto nei reparti più critici degli ospedali.

L’impiego dei monitor multiparametrici in ambito sanitario

I monitor per i parametri vitali vengono utilizzati prevalentemente negli ospedali, in modo particolare nei reparti di rianimazione e terapia intensiva, ma anche in centri medici specializzati, a bordo delle ambulanze e anche presso le abitazioni di pazienti impossibilitati al ricovero, nel corso dell’assistenza domiciliare.

La loro funzione è quella di rilevare gli indici relativi ai parametri vitali di ogni paziente.

I monitor per i parametri vitali forniscono il maggior numero di informazioni possibili sulla storia clinica del paziente, per controllare i parametri in ottica predittiva, così da evitare, quando possibile, le crisi e gestire al meglio gli allarmi; in questo modo viene anche ridotto il sovraccarico dei medici.

Tecnologie innovative nei sistemi di telemonitoraggio

Tra le aziende che stanno puntando sullo sviluppo di questi sistemi di monitoraggio ricordiamo Philips, da sempre impegnata per contribuire a migliorare l’esperienza dei pazienti e dei medici basandosi su tecnologie sempre più innovative.

I monitor per i parametri vitali di ultima generazione sono dotati di funzionalità che permettono sia di indirizzare l’intervento medico, supportandolo nelle decisioni critiche, sia di ridurre i tempi di intervento e ottimizzare i carichi di lavoro. Allo stesso tempo, grazie all’utilizzo di questi strumenti, si riducono i tempi di permanenza all’interno delle terapie intensive da parte dei pazienti.

Questo è possibile, in primo luogo, grazie all’implementazione della connettività da remoto, che consente al personale medico di monitorare i pazienti anche a distanza. Questa funzione consente di prevenire le criticità, gestire meglio gli allarmi e concentrare l’attenzione prioritariamente su quelli più significativi. In secondo luogo, l’installazione di software in grado di caricare documentazione strutturata, strumenti analitici e informazioni sui pazienti, permette ai medici di ottimizzare l’efficacia delle terapie somministrate e ridurre i rientri nel reparto.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)