L’Autorità per l’energia scrive e Governo e Parlamento e chiede di arrivare il prima possibile alla nomina dei nuovo componenti del Collegio dell’Authority. Ormai infatti il regime di prorogatio dura da cinque mesi e mezzo e questo ha causato “una obiettiva e significativa riduzione del raggio di azione” dell’Autorità e una “perdurante situazione di incertezza”, senza contare che l’Autorità in questo contesto può solo seguire l’ordinaria amministrazione e le azioni urgenti. È quanto si legge nella Segnalazione al Governo e al Parlamento sul rinnovo del collegio dell’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente, che porta la data del 20 luglio.

“Il complessivo regime di prorogatio che, a vario titolo, si protrae ormai da circa 5 mesi e mezzo, ha consentito e consente, all’Autorità, solo l’adozione di atti di ordinaria amministrazione e/o indifferibili ed urgenti – spiega l’Autorità – Ciò ha determinato una obiettiva e significativa riduzione del raggio di azione dell’Autorità e una perdurante situazione di incertezza, entrambe condizioni non favorevoli ad un quadro regolatorio innovativo, certo e stabile, in grado di rispondere pienamente alle esigenze dei cittadini e a favorire gli investimenti e lo sviluppo delle imprese in settori vitali per il Paese, quali quelli dell’energia elettrica, del gas, dell’acqua e dei rifiuti”.

Da qui l’invito a nominare presto i nuovi componenti dell’Authority. Nella convinzione che solo un’Autorità “nella pienezza dei suoi poteri possa garantire ai cittadini, agli operatori e a tutti gli stakeholder, la certezza di risposte regolatorie complete e tempestive, – si legge nel documento – si segnala l’imprescindibile necessità di addivenire, in tempi rapidissimi e comunque coerenti con i termini di legge già previsti per la scadenza dell’attuale Consiliatura prorogata, al perfezionamento del procedimento, anche parlamentare, di nomina dei Componenti del nuovo Collegio dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente”.

 

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)