Luce bonus sociali

Il Garante Privacy mette in stand-by l’erogazione automatica dei bonus sociali. Vanno fatte correzioni e adeguamenti nella gestione dei dati personali necessari per i bonus sociali automatici di energia e gas.

Dal primo gennaio di quest’anno è infatti previsto il passaggio al bonus sociale automatico di energia, come annunciato anche dall’Arera (l’Autorità per l’energia). Questo permetterà di ampliare la platea degli aventi diritto a questa misura, una tariffa agevolata per le famiglie in disagio economico e sociale. La domanda non dovrà più essere presentata dai cittadini ma saranno incrociate in automatico le informazioni da Inps e Acquirente Unico.

Bonus sociali, criticità nel trattamento dei dati

Il Garante Privacy, a dicembre, ha però espresso un parere sullo schema di trasmissione dall’Inps all’Acquirente Unico dei dati necessari al processo di riconoscimento automatico dei bonus nazionali per disagio economico. E ha riscontrato «alcune criticità in merito ai trattamenti di dati personali».

L’erogazione automatica dei bonus sociali è una misura attesa.

«Il Garante per la protezione dei dati personali – sintetizza oggi Federconsumatori – ha però messo in stand by tale operazione, che noi da sempre auspichiamo, rilevando alcune criticità nello schema di delibera predisposto da Arera in tal senso. In particolare il Garante, giustamente preoccupato dal momento che si discute della gestione di dati estremamente sensibili relativi a persone e nuclei familiari vulnerabili, chiede alcuni adeguamenti affinché i dati sensibili trattati siano ridotti all’essenziale e siano fornite le necessarie informative agli utenti allo scopo di renderli consapevoli del fatto che i dati presenti nelle DSU siano trattati per erogazione dei bonus».

 

Luce e gas

 

Bonus sociali automatici e dati personali

Il Garante Privacy, come detto, evidenzia una serie di criticità nella gestione dei dati personali e nel loro trattamento.

Lo schema di delibera, scrive l’Autorità, «prevede una trasmissione automatica e continua, presso Acquirente Unico S.p.A. (società per azioni interamente partecipata dal Gestore dei Servizi Energetici – GSE S.p.A., a sua volta interamente partecipato dal Ministero dell’economia e delle finanze) di delicate informazioni relative a coloro che versano in una condizione di vulnerabilità economica, anche senza conoscere il dettaglio specifico dell’ISEE (dati anagrafici, composizione del nucleo familiare, dati di contatto e di abitazione, inclusione in una determinata fascia ISEE, pari a euro 8.265, ovvero a 20.000 euro per le famiglie con almeno 4 figli)».

Esattezza e minimizzazione dei dati

Il Garante evidenzia inoltre un problema di esattezza e di minimizzazione dei dati.

In presenza di trattamento di dati personali fatti con modalità automatizzate, spiega, il principio di esattezza dei dati «deve essere rispettato in modo rigoroso, per evitare i rischi di erogare agevolazioni in capo a soggetti non titolati, ovvero mancate corresponsioni di bonus ad aventi diritto».

Per il Garante Privacy, allora, «rilevanti criticità derivano dal fatto che la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) presentata a fini ISEE dai potenziali beneficiari, dalla quale vengono estratte le informazioni che si intendono utilizzare per l’attribuzione del bonus (dati anagrafici dei componenti del nucleo, dati relativi all’abitazione e di contatto, informazioni reddituali), non contiene, allo stato, i dati necessari a individuare le utenze elettriche, del gas e idriche interessate».

Si rischia inoltre un’acquisizione automatica e di massa di «dati personali anche eccedenti che non consentono l’individuazione, con certezza, delle forniture da agevolare».

Le richieste del Garante

«Alla luce di tali considerazioni, al fine di assicurare il rispetto del Regolamento, si segnala sin da ora la necessità di provvedere quanto prima a integrare la DSU (modifica che compete al Ministero del lavoro e delle politiche sociali, a cui anche sarà trasmesso il presente provvedimento), acquisendo direttamente dagli interessati i dati necessari a individuare, con certezza, le specifiche utenze agevolabili, in caso di spettanza dei bonus in esame. Tale integrazione, inoltre, dando piena attuazione ai menzionati principi di protezione dei dati fin dalla progettazione e per impostazione predefinita, consentirà di limitare le tipologie di dati che l’INPS deve trasmettere al SII con modalità massive e automatiche».

Il Garante privacy chiede di fare delle modifiche allo schema di delibera dell’Arera. In particolare, chiede che Arera sia individuata come titolare del trattamento dei dati. E che siano adottate «misure in grado di assicurare l’individuazione certa delle utenze agevolabili in caso di spettanza dei bonus» attraverso «l’utilizzo di dati esatti già in sede di acquisizione al momento della presentazione della DSU da parte degli interessati».

Chiede poi che vengano trasmessi solo i dati personali strettamente indispensabili per l’erogazione dei bonus.

Federconsumatori: oltre due milioni di beneficiari

Federconsumatori sottolinea la validità dei bonus automatici che estenderebbe la platea dei beneficiari da circa 700 mila a oltre due milioni.

«Proprio alla luce dell’urgenza di tale provvedimento, che potrebbe segnare un passo significativo nella lotta alla povertà energetica che avanza in maniera allarmante nel nostro Paese, risulta a dir poco imbarazzante – commenta Federconsumatoriil mancato coordinamento tra le Autorità e gli organismi preposti alla predisposizione delle normative in materia. Anche perché da tempo Arera era a conoscenza di tali criticità. Auspichiamo che tale impasse sia superata con estrema rapidità e che Arera rimoduli la delibera nel pieno rispetto della normativa della privacy, disponendo tutte le misure necessarie a rendere operativa tale misura al più presto».

L’associazione chiede inoltre che il bonus sociale sia riconosciuto in modo automatico dal primo gennaio, senza che si perda alcuno sconto.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)